Genoa, da oggi le grandi manovre

03.01.2019 11:35 di Franco Avanzini   Vedi letture

Il calciomercato invernale ha preso ufficialmente il via da quest'oggi, 3 gennaio 2019. Ci terrà compagnia, si fa per dire, sino al prossimo 31 gennaio. Due i partiti di questa sessione invernale, quelli che lo vogliono ma anche coloro che non lo amano affatto, I primi ritengono che sia importante permettere alle squadre di poter variare qualcosa all'interno del proprio organico, i secondi invece lo ritengono inopportuno, talvolta pure deleterio. 

In questa annata si era trovata una soluzione che potesse mettere tutti d'accordo, interromperlo prima dell'inizio del ritorno in campo per la disputa del girone di ritorno. In pratica doveva chiudersi un paio di giorni prima della settimana del 19/20 gennaio quando ci sarà la ripresa del torneo di Serie A. E invece ecco che, pochi giorni fa, per equipararlo a quelli dei tornei più importanti d'Europa si sia tornati sui propri passi riportandolo al 31 gennaio.

Insomma un paio di gare con le squadre che potrebbero variare giorno dopo giorno, con un giocatore che, teoricamente, potrebbe disputare una partita con una maglia e la settimana successiva contro quella stessa sua ex squadra. Evidentemente la prima soluzione sarebbe stata quella più logica. Ma si sa, nel calcio, a questi livelli, di logica ce n'è ben poca.

Genoa che naturalmente cercherà di rinforzarsi anche in questo 2019 con alcuni innesti di valore ma anche tante cessioni. E se comprare tutto sommato non è certo difficile, vendere taluni elementi sicuramente è molto più complicato anche perché parliamo di giocatori che poco hanno reso alla causa rossoblu, praticamente non giocano mai e si trovano per questo un po' ai margini della rosa della prima squadra. Un classico esempio è quello di Federico Marchetti, portiere arrivato in pompa magna ma ben presto scalzato dal giovane Radu. Adesso è sul piede di partenza ma non è semplice piazzarlo altrove. Toccherà alla dirigenza cercargli una sistemazione. trovare un accordo affinché le parti possano essere contente. Ovviamente non è l'unico caso spinoso ma certamente questo è quello più eclatante.