Genoa, Piatek ceduto a gennaio ma rossoblù sino a giugno?

12.10.2018 11:50 di Franco Avanzini   Vedi letture
Fonte: gazzetta dello sport

Premessa doverosa: il mercato non si ferma mai, dura in pratica 365 giorni l'anno. Poi ci sono le due sessioni, quella estiva e quella invernale, nella quale sono concentrate tutte le chiusure di trattativa. E' evidente però come, alla comparsa di un giocatore di un certo rilievo, tutte le maggiori squadre si facciano avanti per acquistarlo magari anticipando l'avversaria i turno. Questa è la semplice "legge di mercato". Una legge dalla quale ovviamente non è esente né il Genoa né tanto meno il suo uomo principe, l'attaccante Piatek.

Da una parte la società, parole del direttore generale Giorgio Perinetti, che spiega come il fatto che Piatek vada via a gennaio è impossibile, dall'altra la voglia delle grandi d'Europa di averlo tra le proprie fila ed in mezzo il pensiero di Boniek che consiglia all'attaccante polacco di rimanere in Liguria per un paio di stagioni. 

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport il centravanti genoano potrebbe rimanere certamente sino al prossimo giugno 2019 ma praticamente, da gennaio, in prestito. Una cessione che arriverebbe nel primo mese dell'anno con una base d'asta che potrebbe partire da circa 40 milioni di euro. Tante le squadre interessate al giocatore, la Juventus in primis, praticamente in pole position, ma anche formazioni inglesi, tedesche, spagnole; si attendono solamente le più quotate di Francia in questo lotto di possibili acquirenti.

Delle italiane (Juventus, Inter, Milan e Roma) in questi ultimi giorni parrebbe essersi aggiunto il Napoli con il tecnico Carlo Ancelotti che lo avrebbe visionato personalmente traendone una ottima impressione.  Siamo solamente agli inizi di un'asta che sembrerebbe poter partire in tempi molto brevi. Piatek è destinato inevitabilmente ad una "grande". Il mercato, volenti o nolenti, è questo, prendere o lasciare...