Claudio Maselli: "Il portiere non era una priorità come lo è un attaccante"

24.01.2020 18:30 di Franco Avanzini   Vedi letture
Fonte: Tuttomercatoweb.com

Claudio Maselli, ex giocatore ma anche ex allenatore del Genoa, ha parlato della situazione attuale della squadra rossoblu ai colleghi di tuttomercatoweb.com. Cuore rossoblu, Maselli inizia trattando il discorso inerente al mercato e all'arrivo dell'oramai ex atalantino Masiello: "E' la scelta giusta. Ci voleva un giocatore della sua esperienza . ha spiegato al sito sportivo - A Bergamo ha sempre fatto bene, ha grande esperienza e poi conosce l'ambiente Genoa".

Sulla gara di domani contro la Fiorentina dice: "Non è il momento migliore per affrontare la Viola perchè loro stanno molto bene. Hanno ottenuto grandi risultati ultimamente ma il Grifone non può guardare in faccia nessuno e deve cercare di fare risultato ovunque". Un Genoa deludente dal quale ci si attendeva di più: "Vista la rosa direi di si. Quando una squadra cambia tre allenatori però significa che qualche problema ci sia. Manca la qualità in questa compagine. Giusto puntare su Nicola che ha grande motivazione e la giusta personalità".

Maselli quindi parla di due degli ultimi arrivi, Perin e Behrami: "Radu stava facendo bene dallo scorso anno. Mi è parso eccessivo andare a trovare un altro portiere. Non mi pareva una priorità. Behrami ha esperienza e soprattutto Nicola lo conosce per averlo avuto lo scorso anno ad udine. Sa quello che può dargli il centrocampista. Soprattutto a livello caratteriale può dare tanto anche se noto che non sempre gioca".

Infine il punto dolete della squadra ligure, l'attacco: "Ci vuole un vero attaccante per questa squadra. Solo Pandev, di quelli presenti, sta facendo cose importanti. Gli altri arrivano da squadre retrocesse e segnano poco. Devono cersecere e mi riferisco ai vari Pinamonti Agudelo e anche a Favilli. Ci vuole un uomo gol e chissà che nelle ultime giornate di mercato la società rossoblu non vada a cercarlo"