L'avversaria di turno, il Lecce: alla ricerca del successo casalingo perduto

Il Lecce sarà il prossimo avversario del Genoa, una squadra che in casa non ha ancora vinto ma che va meglio in trasferta
06.12.2019 10:57 di Franco Avanzini   Vedi letture

Il Lecce è la prossima avversaria del Genoa. Un match assolutamente importante per entrambe le squadre che lottano aspramente per evitare la zona B. I salentini stanno disputando un campionato dalle due facce. Quella bella è rappresentato dal formato trasferta. Lontano dallo stadio di Via del Mare i giallo-rossi hanno ottenuto i successi al Torino in casa granata, a Ferrara contro la Spal e a Firenze contro la Viola e hanno pareggiato a San Siro contro il Milan e a Genova in casa Sampdoria; due le sconfitte al Meazza contro l'Inter e all'Olimpico contro la Lazio. In casa invece le cose non vanno bene perché i salentini mai hanno vinto nonostante la spinta dei tifosi di casa che assiepano sempre gli spalti dello stadio in gran numero. C'è stato però l'ottimo pareggio, 1 a 1, contro la Juventus.

L'allenatore del Lecce è un ex, Fabio Liverani, che al Genoa ha seduto sulla panchina nella stagione 2013/2014 dopo la gavetta trascorsa nelle formazioni giovanili. Non andò benissimo quella esperienza anche se c'è la chicca del 3 a 0 conquistato nel derby della Lanterna. Quella fu la sua unica vittoria nella sua breve esperienza che complessivamente contava su quattro sconfitte e un pareggio e una battuta d'arresto in Coppa Italia (al terzo turno contro lo Spezia). Due i moduli che adotta generalmente, il 4-4-2 e il 4-3-3.

L'ex più importante è sicuramente Gianluca Lapadula. Sarebbe squalificato dovendo scontare il secondo turno di stop ma oggi il giocatore potrebbe ricevere una bella notizia se sarà accolto il ricorso che la società ha effettuato. Lapadula a Genova è stato spesso infortunato e non ha potuto dimostrare tutto il suo valore dopo la stagione eccellente disputata a Pescara e quella, meno, a Milano casa Milan. Col Grifone 36 presenze e sette reti realizzate. A Lecce ha ritrovato la voglia di combattere e lottare e pure qualche gol. 

Fabio Lucioni è l'anima della difesa salentina. L'uomo in più anche se non possiede grandissimi mezzi tecnici e è più un mestierante che altro. Eppure la sua presenza è basilare per questa squadra non fosse altro che per la grinta che mette in campo. Sarà assente invece Luca Rossettini, un altro ex, a causa della squalifica subita in settimana.

In mezzo al campo l'ex di turno è Tachtsidis che in Liguria approdò nella stagione 2015/2016 realizzando due gol nelle sue 24 presenze. Centrocampista dai piedi buoni ma sicuramente non dalla grande velocità. Ci sarebbe anche Riccardo Fiamozzi quale ex del Grifone ma l'esterno raramente si vede tra i titolati se è vero che a Lecce dal 2018 ha giocato solamente 11 partite. 

In attacco Babacar spesso accostato al Genoa è il panzer di questa formazione. Non un grande goleador ma certamente uno che si fa sentire mentre per la velocità e gli scatti ci sarebbe Farias, ex Cagliari, che però non è al meglio della condizione fisica e quindi molto in dubbio per la partita che si giocherà in Puglia domenica con fischio di inizio alle ore 12.30.