"Ricordo quand'ero bambino"...

 di Redazione Genoa News 1893 articolo letto 545 volte

Riceviamo e pubblichiamo un bell'invito, da parte di un tifoso rossoblu, che riportiamo integralmente:

Inizia cosí una delle canzoni piú belle ed emozionanti del Popolo Rossoblu, ed cosí che voglio iniziare una lettera aperta a tutti i miei fratelli Genoani, una lettera che é anche un appello ed una proposta.

Ricordo quand'ero bambino, percorrendo le strade di Genova mano a mano di mio padre, osservare meravigliato le bandiere e gli stendardi che coloravano una delle cittá piú belle e caratteristiche del mondo. Provavo un'emozione molto forte e il tragitto da Genova Brignole al Tempio diventó, nel corso del tempo, un vero e proprio percorso mistico.

Negli ultimi anni, purtroppo, l'usanza di esporre i colori rossoblú fuori dalle finestre e dai balconi é andata via via calando. Non é scomparsa, anzi, piú ci si avvicina allo stadio e piú se ne vedono, ma prima l'impatto visivo era davvero bello. Domani andró, per la prima volta, allo stadio con mio figlio. Ripercorreremo quelle strade e sarebbe, per me, un sogno poter rivivere quelle stesse emozioni.

Questa lettera, quindi, contiene un appello. A tutti i tifosi, vicini o lontani da Genova, in qualunque parte del mondo voi siate, sia che andiate alla partita sia che rimaniate a casa, esponete fuori dai balconi i vostri colori. Facciamolo di nuovo ogni domenica. Per noi, per colorare di nuovo di rossoblu ogni angolo cittadino, per i turisti che, girando per Genova, potranno vedere ovunque i nostri bellissimi colori.

Da domani e per tutto il campionato, quindi: fuori gli stendardi! Che Genova sia nuovamente Solo RossoBlu!

Massimo Tagino, Massa.