The Day After: a testa alta alla Scala del Calcio

 di Franco Avanzini articolo letto 372 volte

Tanto nervoso per il pubblico genoano. Sì, nervoso, perché una gara così con un arbitro diverso quasi sicuramente avrebbe avuto risultato diverso. Intendiamoci non ha decretato rigori o espulso giocatori rossoblu ma è stata la gestione della gara che non è piaciuta. Lasciamo perdere il gol del vantaggio interista con fuorigioco di due nerazzurri, attivo o passivo? Fate voi. Il punto focale ad esempio lo si è visto quando Icardi in fuorigioco è rientrato e preso palla, subendo fallo da Burdisso. Arbitro che non ha visto un offside clamoroso e concesso la punizione pericolosa ai locali. Solo una situazione con interpretazione della "giacchetta nera" tutta sua.

Chiaramente se perdi 2 a 0 ma sullo 0 a 0 sprechi almeno tre palle gol qualche colpa la hanno pure i giocatori di Juric. Ad esempio su un cross di Lazovic con Simeone che tenta un improbabile colpo di tacco, un Rigoni che non riecse a deviare la sfera e un Ocampos che conclude debolmente tra le braccia di Handanovic. Ecco qualcosa non è andato per il verso giusto in avanti. Poi ci sta tutto. Ci sta di perdere contro l'Inter (risultato quasi scontato, ogni anno, quando si sale al Meazza) ma questa Inter ha dimostrato che il Genoa non è così inferiore ai milanesi.

Burdisso e soci hanno spesso tenuto il pallino del gioco e in pratica lo 0 a 2 è maturato con le prime due conclusioni nello specchio della porta degli avversari. Ricordate parate di Perin? Noi solamente una già a risultato acquisito. Handanovic invece è stato premiato come uno dei due migliori da parte di SKY (l'altro ovviamente è stato Brozovic). Decisione questa che avrà un suo perchè.

Orgoglioso di essere genoano, di gioire per una squadra che non si abbatte, che lotta e che certamente non viene mai aiutata neppure dalla Dea Bendata. Orgoglioso di questo gruppo di ragazzi per bene, ben allenati da Juric che, alla Scala del Calcio, hanno dimostrato di meritare una classifica nettamente migliore. Adesso sotto consecutivamente con Fiorentina e Palermo in quattro giorni. La parte sinistra della classifica può sorridere nuovamente al Grifone.