The Day After, la fine del secondo ciclo, l'inizio del terzo...

22.12.2019 09:00 di Franco Avanzini   Vedi letture

Quattro sono le stagioni, dodici i mesi e 365 i giorni dell'anno; tre, gli allenatori del Genoa a stagione. Oramai è una consuetudine, una abitudine; tutti lo sanno ed oramai iniziare la stagione sulla panchina della società più Antica d'Italia non porta certo molto bene. Si fa la preparazione estiva, qualche partita, magari dopo un brillante pre campionato e quindi si viene esonerati. E questo è stato l'iter di Aurelio Andreazzoli. 

Arriva quindi un nuovo mister, giovane, alle prime armi, che però ha idee rivoluzionarie e si presenta pronto a stupire. Qualche partita, magari un primo successo, un paio di pareggi e poi un buon numero di sconfitte ed ecco che la dirigenza, che nel frattempo è cambiata tranne ovviamente il manico, decide di allontanarlo. E questa è la storia di Thiago Motta.

Ed eccoci al giorno d'oggi: una sconfitta grave dopo un'altra battuta d'arresto nella partita più importante della stagione, il derby e nuovamente si cambia. I giocatori restano, gli allenatori no. Grazie Thiago e avanti il prossimo. Dovrebbe, salvo ripensamenti dell'ultimo momento, toccare a Diego Lopez che avrà l'arduo compito di risalire una china impietosamente negativa con una squadra mal costruita e per di più senza un attaccante vero che garantisca una buona messa di reti.

Fateci caso alle avversarie dirette: il Brescia ha Balotelli, la Spal ha Petagna, la Samp ha Quagliarella, il Sassuolo ha Berardi e l'Udinese ha Okaka; ed il Genoa? Ecco a noi sembra nessuno perché Pinamonti, Favilli e Sanabria tutto sono fuorché attaccanti in grado di andare a rete con una certa regolarità. Ed ecco quindi che dovrà intervenire il mercato invernale (una consuetudine si dirà!). Ma attenzione, questa volta l'intervento dovrà essere massiccio, non uno, due o tre giocatori ma almeno cinque di cui almeno tre di buona caratura e non semplici scommesse. Cosa farà la società? Deciderà di aprire il borsellino oppure si andrà al risparmio? Domande che solo a fine mercato potranno avere una risposta anche se è chiaro che i giocatori dovranno arrivare ben presto perché alla fine della sessione di riparazione invernale si saranno giocate varie gare con il rischio di vedere ancora di più staccato il Grifone dalla zona salvezza.