The Day After: squadra irriconoscibile, praticamente mai in campo a Milano

04.11.2018 08:45 di Franco Avanzini articolo letto 463 volte

Ivan Juric era partito bene con un risultato positivo a Torino, casa Juventus, dove tutti, in Italia e in Europa, hanno perso. Poi un punto contro l'Udinese con un passo indietro anche a causa di una gestione delle sostituzioni a nostro avviso non perfetto e ieri una sconfitta cocente. Certo, perdere contro questa lanciata Inter ci stava. Il problema è che non ci stava l'atteggiamento con cui il Grifone ha affrontato il match. Praticamente senza testa, praticamente ai in partita; praticamente nullo dal primo al 93esimo. 

Non ricordiamo tentativi verso la porta di Handanovic, tentativi pericolosi intendiamo.Almeno tre giorni prima contro il Milan la squadra aveva reagito al gol preso, recuperato il punteggio e poi perso solamente a causa di una sbadataggine del proprio portiere ma anche a causa di un jolly trovato da Romagnoli. Ieri davvero il Genoa non è sceso in campo. Sembrava avere la testa altrove, svogliato come mai; neppure quando qualche stagione orsono cinque reti dall'Inter le prese in casa, al Ferraris. Alla fine di quella sfida lo stesso tecnico Mourinho elogiò il pubblico genoano per il costante incitamento. ma, almeno in quella circostanza, i rossoblu in campo diedero tutto. Quelli di ieri assolutamente no.

E non si dica che l'assenza di Criscito è stata determinante. Il capitano ex Zenit non è che, Milan a parte, avesse giocato gare incredibili. La sua fascia al braccio è finita a Biraschi che, per una volta, ha completamente sbagliato la gara partendo dal pallone perso in occasione della prima rete avversaria. Forse, e diciamo forse, l'unica situazione che potrebbe esser valutata è il fatto che il Grifone ha giocato dopo soli tre giorni un'altra gara e non ha una rosa adatta per una serie di match così ravvicinati. Ma non deve diventare una scusante, assolutamente. 

Sabato prossima arriverà il Napoli, un'altra corazzata. Il rischio di una nuova debacle è molto realistica. Quanto rischierà il tecnico croato Juric? Dopo la sfida ai partenopei ci sarà la sosta prima del derby. Alla stracittadina chi siederà in panchina? Ancora Juric oppure qualche altro tecnico?