The Day After: tanta la delusione ma il carattere non manca proprio

Battuto dall'Atalanta 2 a 1, il Genoa ha dimostrato comunque una voglia di reazione molto elevata. Il carattere non manca proprio al Grifone
16.09.2019 08:45 di Franco Avanzini   Vedi letture

Quattro punti contro Roma, Fiorentina e Atalanta; un bottino interessante che però poteva esser maggiore se ieri contro la Dea non si fosse lasciato tirare dal limite dell'area Duvan Zapata in pienissimo recupero. Un piccolo errore che ha macchiato una prestazione tutto sommato positiva di una squadra che ancora una volta ha messo in mostra buona volontà e una squadra ben costruita dopo la campagna di rafforzamento estiva. Si tenga presente che sull'altro fronte c'era una Atalanta tosta, ben sistemata in campo e brava sulle fasce dove è riuscita ad inibire il gioco genoano che, contro Roma e, soprattutto, Fiorentina, aveva mandato in area di rigore dal fondo del campo moltissimi palloni. 

Resta comunque la positività del ritorno al feeling tra la Gradinata Nord e la squadra. Un'unione tornata salda grazie al tecnico Andreazzoli, alle sue parole e soprattutto grazie al gioco dato alla formazione ligure. Alla fine, nonostante la battuta d'arresto, sono arrivati solo applausi dagli spalti e questa è stata la fotografia di un match che comunque ha regalato buone trame e bel gioco nonostante il gran caldo.

Non ci si doveva esaltare dopo le prime due gare e non ci si deve abbattere adesso; il Genoa resta comunque in zona positiva di graduatoria e soprattutto ha una sua identità che potrà solamente migliorare. Se proprio vogliamo esser pignoli i problemi principali arrivano dall'attacco. Kouamé e Pinamonti hanno concluso in porta davvero poco, poco. E questo è un problema visto che dalle punte ci si attendono le conclusione ed evidentemente anche i gol. E' chiaro che pesa la giovane età dei due ragazzotti ma è pure chiaro come la dirigenza genoana abbia puntato su di loro ad occhi chiusi e la stessa cosa ha fatto il tecnico Andreazzoli. Diamo tempo agli avanti genoani, sapranno ricompensare il pubblico genoano!

Cagliari, venerdì sera, sarà la prossima tappa di questo inizio di campionato: un incontro che potrà dire molto perché i sardi sono stati costruiti per diventare la vera e propria sorpresa della stagione. Dopo due battute d'arresto consecutive, è arrivata la vittoria, netta, di Parma. La squadra dei Quattro Mori sarà u test probante ma quest Genoa può davvero vincere con qualunque squadra. Perché non provarci pure in Sardegna?