Ballardini a Sky

 di GianPiero Gallotti articolo letto 670 volte

Importante vittoria del Genoa per 0 - 1 sul campo dell'Hellas Verona che allontana la squadra di Davide Ballardini dalla zona pericolosa.

Queste le parole del tecnico dalla sala stampa dello stadio Bentegodi:

 

Cerco di mettere in campo una squadra compatta ed equilibrata, che parla la stessa lingua.

Oggi la partita è stata la meno bella fra quelle giocate, ma abbiamo comunque meritato di vincere, almeno come occasioni create visto che ne abbiamo avute parecchie per chiudere la gara.

Io ho un'idea di gioco, cioè che quando i miei giocatori hanno la palla devono capirsi e quando ce l'hanno gli avversari devono aiutarsi.

Ripeto, oggi non è stata una bella partita, ma abbiamo concesso poco contro una squadra in salute.

Sono rustico e spigoloso come i genovesi, e forse ai genoani piaccio per questo.

Taarabt deve pretendere molto di più da sè stesso, perchè ha tante di quelle qualità importanti che è giusto che faccia ancora meglio. Purtroppo ogni tanto perde dei palloni sanguinosi. Lui però lo sa che può fare molto bene, ed è giusto che chieda a sè stesso sempre di più.

Sono stato tre anni al Parma, e con me sono venuti fuori tanti giocatori, fra i quali Rossi. Non sono quindi un allenatore da sei mesi o da sei partite come a volte si sente dire.

Noi abbiamo fatto due partite in casa: contro la Roma, che le aveva vinte tutte, e contro il Crotone in Coppa Italia, dove abbiamo fatto una bella partita. Per la mentalità che ho io, che tu giochi in casa o fuori casa devi giocare alla stessa maniera. Non è che devi giocare con il centravanti di ruolo solo perchè giochi in casa. Devi avere un'idea di gioco, cercare di fare la partita ma nello stesso tempo rimanere compatto.

 

Gip