Coronavirus: nel mondo fermi molti campionati. Ma non tutti

15.03.2020 14:39 di GianPiero Gallotti   Vedi letture

Non solo Cina ed Europa.

L'emergenza Coronavirus sta fermando i campionati di calcio nella maggior parte dei Paesi del mondo, anche se non tutti.

A scorrere infatti l'elenco delle gare che sarebbero state in programma in questo weekend, si possono trovare una lunghissima lista di partite posticipate, ma anche alcune che invece si disputeranno regolarmente.

Cina a parte, che ha sospeso tutti i tornei per un anno, ed Europa , che ha tutti i tornei fermi fino a data da destinarsi, diamo invece uno sguardo a cosa accade negli altri Paesi del mondo:

fra quelli che hanno anch'essi rinviato le gare in programma troviamo Arabia Saudita, Azerbaijan, Bosnia, Cipro, Colombia, Croazia, Ecuador, El Salvador, Estonia, Gabon, Georgia, Giamaica, Giappone, Gibilterra, India, Iran, Iraq, Israele, Kosovo, Liberia, Lituania, Macedonia, Malta, Marocco, Montenegro, Panama, Paraguay, Perù, Siria (ma qui il rinvio è purtroppo dettato da ben altre tristi ragioni), Sud Corea, Thailandia, Trinidad e Tobago, Uruguay, Stati Uniti e Venezuela.

Si gioca invece regolarmente in Algeria, Angola, Argentina (porte chiuse), Bangladesh, Bermuda, Bielorussia, Bolivia, Brasile, Burkina Faso, Burundi, Cambogia, Cile, Congo, Costarica, Ghana, Guatemala, Guinea, Haiti, Honduras, Indonesia, Kazakistan, Kyrgyzstan, Malaysia, Mauritania, Messico, Nicaragua, Nigeria, Nuova Zelanda, Ruanda, Russia, Serbia, Sierra Leone, Singapore, Sudafrica, Sudan, Tanzania, Tunisia, Turchia, Ucraina e Uzbekistan.

Ci sono poi invece alcuni Paesi, tipo Australia e Vietnam, che hanno rinviato lo svolgimento solo di alcune gare.

La speranza è che le drastiche misure prese dall'Europa, sulla scia dell'Italia, servano ad isolare il virus prima che possa diffondersi anche in Paesi con più problematiche sul piano strutturale e sanitario.

Gip