Masiello: "Coronavirus? Atteniamoci alle regole"

15.03.2020 19:35 di GianPiero Gallotti   Vedi letture
Fonte: TMW

Il difensore del Genoa Andrea Masiello, ex giocatore dell'Atalanta, è stato intervistato telefonicamente da TuttoMercatoWeb.

Queste le sue parole:

Convinto che l'Atalanta passasse il turno?

"La partita l'ho vista tutta, ero già consapevole e convinto che riuscisse a passare il turno. Per tanti fattori: per la vittoria dell'andata, per la serenità di come ha gestito nella doppia sfida le varie situazioni e anche perché è una squadra forte, quadrata, nelle sue caratteristiche ha un attacco che crea sempre problemi all'avversario. I dati lo confermano. I quarti di finale sono strameritati".

Quanto sente suo questo traguardo?
"Io ho passato moltissimi anni all'Atalanta, con momenti brutti e momenti belli. Più i secondi fortunatamente. Ho dato tutto, sacrificandomi, ottenendo risultati molto importanti, inimmaginabili. Quindi sì, lo sento pure mio. Fino alla partita con il Manchester City ero presente, posso solo ritenermi orgoglioso di avere fatto parte di questa splendida squadra".

Come sta andando a Genova?
"Tutto bene, ci siamo ripresi, stiamo lottando per un traguardo difficile ma molto alla portata. Siamo una squadra giovane, con ambizione, con un allenatore molto motivato, l'ambiente è molto vicino alla squadra. Ci sono tutte le componenti per un grande finale di stagione. Ora c'è questa situazione con il Coronavirus dove bisognerà fare molto attenzione tutti quanti, aiutarsi, aprire bene le orecchie. Non è una cavolata, è una storia importante. Bisogna affrontarla con grande intelligenza e forza, aiutandoci l'uno con l'altro".

Che appello vuole fare?
"Bisogna dare ascolto a quelli che sono del mestiere, dottori, infermieri, all'avanguardia per combattere questo virus, brutto, che sta danneggiando il nostro paese. Se dicono una cosa bisogna attenersi e sacrificarsi per stare alle regole, solo così ne potremo uscire. Chi vuol fare di testa propria non aiuta se stesso ma nemmeno gli altri. Bisogna essere intelligenti e umani per capire la difficoltà. Diamoci una mano e tiriamoci fuori".