Genoa-Juventus, secondo tempo (live)

17.03.2019 13:29 di Franco Avanzini   Vedi letture

Il Ferraris è un bolgia, la Juve preme ma il Genoa alza il muro. Genoa Juventus si conclude con il risultato di 2-0.

4 minuti di recupero tra gli olè del pubblico per i passaggi del Grifone.

Juve ci prova con tutti i suoi effettivi, il fortino del Genoa sembra reggere, 44° minuto e ancora Grifone sul doppio vantaggio.

39° fallo di frustrazione per Can su Criscito, ammonizione per lui.

36° PANDEV gol dopo un contropiede micidiale di Kouamè che pesca il macedone pronto a bruciare Perin con un diagonale micidiale.

35° ancorà Kouamè che cerca - ma non trova - Sturaro.

Minuto 33 ghiotta occasione per Kouamè che liberatosi bene al limite dell’area spara alle stelle.

32° Ancora cambio Juve, Bentancur esce per Spinazzola.

Juve e Genoa cambiano ancora insieme, Kean per Mandzukic e Veloso per Radovanovic al minuto 30.

Genoa ancora avanti sulle ali dell’entusiasmo, Pandev pesca un angolo. Nulla di fatto sulla successiva battuta.

Magia Sturaro alla prima palla toccata, tiro teso che si insacca alla sinistra di Perin che non ci arriva. Genoa in vantaggio al 27°. 

25° entra Sturaro per l’esordio stagionale al posto di Lazovic.

Minuto 23, Pandev conquista una buona palla e una successiva punizione dalla trequarti.

Intorno al 20° la juve preme e conquista 3 corner consecutivi, tutti battuti senza esito.

Minuto 17, Pandev tira debolmente su Perin.

Rovesciata spettacolare di Can che spara fuori.

Juve esce Cancelo per Bernardeschi e per il Genoa esce Sanabria per Pandev al munito 15.

Var che annulla il gol ospite per fallo. Si ritorna sullo 0-0.

Gol Juventus con Dybala che recupera una palla sporca in area e trafigge Radu.

Genoa in sofferenza al settimo ma riesce a liberare.

Bella ripartenza del Grifone che non trova la porta.

Primo minuto punizione dal limite sinistro dell’area rossoblù con Dybala che butta in mezzo la sfera, libera Kouamè in angolo.

Genoa e Juventus torneranno a breve in campo per la disputa del secondo tempo con il risultato di 0 a 0, un aio di parate di Perin e soprattutto un rigore concesso al Grifone da Di Bello ma poi tolto dal Var.