Quando i cretini fanno Ohhh

17.10.2016 11:30 di Luca Canfora articolo letto 2635 volte

Ho deciso di non arrabbiarmi più. Non da ieri, no, da prima, molto prima. Ora non ricordo esattamente il giorno e l'ora, ma avevo davanti un imbecille con il nome di un animale della giungla, che sorridendo mi chiedeva se avevo 200 milioni per andare a Sanremo. Mentre sorridendo si vantava, per la stessa cifra, di mandarci da lì a breve un incapace figlio di padre molto, molto, molto, noto. Che non avrebbe combinato niente, lui, il figlio. Lui invece, con quei 200 milioni, qualcosa avrebbe fatto.

Arrabbiarmi per cosa? Quando un anno dopo scopro che una Band di 5 persone ha ripulito i beni di famiglia, 60 mila euro a testa, da dare ad altro farabutto. Noto, molto noto, per andarci? Mentre io mi facevo le selezioni come un coglione.

Arrabbiarmi quando? Quando l'enorme scandalo tangentopoli produce un portaborse in galera per 4 anni e tutti gli altri riciclati negli odierni partiti?

Arrabbiarmi perchè? Perchè la nipote di Mubarak ha fatto emergere il folklore con cui abbiamo concesso ad un personaggio e ad una classe politica interamente corrotta da soldi, sesso e potere di legiferare ed arricchirsi con il nostro lavoro?

Arrabbiarmi per chi? Quando una telecamera nascosta riprende la riunione segreta del fondo Black Rock i cui azionisti si rallegrano della grave recessione mondiale ed italiana che favorisce i loro investimenti, augurandosi che la crisi persista nonostante le gravi ripercussioni sociali?

Arrabbiarmi per cosa? Per l'attentato alle torri gemelle o per i bombardamenti in Siria? Per l'immigrazione incontrollata o per gli indigeni che ci guadagnano?

Arrabbiarmi in che senso? Per l'omicidio di Falcone e Borsellino o per le accuse verso Saviano, un ragazzo costretto a vivere sotto scorta da dieci anni per avere raccontato le cose che sanno tutti ed accusato di speculare da chi non ha nemmeno il cervello per capire una equazione di primo grado?

Arrabbiarmi ancora? Per la questione MPS o per le politiche criminali dell'Europa? Per Banca Etruria o per la BCE? Per i risparmi perduti della povera gente o per le leggi salva banche?


Scendiamo di livello? Arrabbiarmi per chi? Per il doping raccontato da Petrini negli anni 60, che ha ucciso lui e molti altri o per il calcioscommesse degli anni 80? Per le SLA e le leucemie dei calciatori anni 90 o per il ciclismo del povero Pantani? Per il doping nell'atletica o per le nuotatrici cinesi? Per quello che è stato fatto al Genoa nel 2005 o per la calciopoli del 2006? Per gli arbitri condannati in via definitiva nel 2006 o per i calciatori che si vendono le partite? Per Moggi e Giraudo o per l'arbitro Brighi di Cesena? Per Macalli o per l'arbitro Moreno che si dimostrò essere stato corrotto per sbatterci fuori dal mondiale del 2002?

Posso continuare? Continuo? No, non ne ho più voglia nemmeno io. E allora, mi direte, perchè continui a seguire il calcio? Ed io vi rispondo, in prima istanza, perchè sono un cretino che fa ohhh. Anche io, come voi, come voi tutti.

Perchè sono vivo, perchè ho bisogno di credere in qualcosa, perchè ho bisogno di aria fresca, di sognare di poter combattere contro tutto e contro tutti. Sì, sono un cretino, e me ne vanto. Perchè non posso dimettermi da tutto e da tutti, non posso dare a mio figlio il segnale che ho perso, che abbiamo perso, che non ci sia speranza. Devo fare finta di niente, devo andare avanti, e devo comunque sperare che una volta, anche una sola volta, il bene possa vincere sul male. Una volta, una sola cazzo di volta. Che sia il Genoa, o tutto il resto.

Chiedo solo, a voi, a noi, a me, risparmiatemi, risparmiamoci, almeno, la patetica retorica del "ma figurati se..." con tanto di prosopopea a difesa dell'evidenza.

Il mondo gira intorno ai soldi, al potere, ed al sesso. Tutto gira intorno a questo. A parte il mondo dei cretini come me, e come temo alcuni di voi. Smettiamola di fare ohhh, ogni giorno, stupiti, sorpresi, delusi, increduli. Abbiamo visto di tutto, sono stati smascherati tutti, più volte, sotto i nostri occhi increduli. Cresciamo, almeno. Non credo alla buona fede, non credo alla onestà, non credo alla trasparenza, di quasi nessuno. Può piacere, può non piacere, ma ho 46 anni ed ho visto, analizzato, approfondito, e dimostrato quasi tutto quello che ho visto. Ne prendo atto, fatelo anche voi.

Qualcuno ce l'ha con il Genoa? Ma no, ma figurati, chi se lo fila il Genoa. Tutto più semplice, molto più semplice, infinitamente più semplice.

Io ci scommetto.

Baci e forza Genoa.

   Luca Canfora