Preziosi: "Non ho mai dichiarato che Piatek non si muoveva da Genova"

04.02.2019 21:42 di GianPiero Gallotti articolo letto 1430 volte

Il presidente del Genoa Enrico Preziosi, interpellato da Sky a margine dell'evento "United for Genova", ha affrontato diversi temi riguardanti la società rossoblù.

Queste le sue parole:

 

Ci fa piacere il fatto che Sanabria per due turni consecutivi abbia segnato. Questo non vuol dire che lo farà ancora. Noi lo speriamo perchè è un grande giocatore e ci tirerà fuori dalle zone pericolose della classifica.

Non ho mai dichiarato che Piatek non si muoveva da Genova. Voi mi mettete sempre in bocca cose che non ho detto. Lo ha fatto qualche mio collaboratore, ma io quando agisco lo faccio per il bene del Genoa. Il Genoa aveva bisogno di quel tipo di vendita e ho colto l'occasione. Forse si poteva vendere a molto di più o forse a molto di meno, ma l'esigenza del Genoa veniva prima di tutto. Abbiamo rinforzato la squadra e sostituito il giocatore con uno altrettanto bravo.

A me fa molto piacere vederlo segnare. Lo avevo scelto io in Polonia. Il Milan ha speso parecchi soldi ed è giusto che il giocatore si dimostri all'altezza. Ogni volta che segnerà quindi sarò contento. Certo per i tifosi genoani un po' meno, perchè hanno ancora un po' di rammarico, se non un po' di arrabbiatura, ma però poi andando avanti nel tempo capiranno il perchè.

Di Prandelli mi ha colpito la sua serenità, la sua educazione, la sua pacatezza ed il suo modo di stare in campo, oltre ai suoi interventi dalla panchina quando deve sostituire qualcuno.

Bertolacci se avesse voluto tornare era già qua. Aveva altri progetti, e gli auguro che li raggiunga tutti.

Un minimo di organizzazione e di fiuto li abbiamo. Poi siamo nel calcio da oltre trent'anni. A volte c'è anche un pizzico di fortuna, però sono più le cose che azzecchiamo che quelle che sbagliamo.

Gasperini è un allenatore che è stato da noi oltre otto anni  e rimarrà nella storia del Genoa. Sta facendo cose egregie a Bergamo e gli auguro di continuare così. Sono soddisfatto che continui a dimostrare di essere un allenatore importante.

United for Genova? C'è una parte di mondo che ha voglia di fare, non di chiacchierare. Questa ne è la testimonianza.

Razzismo? E' un tema complesso, per me un popolo civile al primo buu dovrebbe andare negli spogliatoi perchè non c'è ragione al mondo per cui uno debba essere offeso per il colore della pelle. Vedremo se ci si fermerà al primo, al secondo o al terzo "buu", è un teme complesso, ma un segnale bisognava darlo e ci proviamo in questa maniera. E' un passo avanti.

 

Gip