Signorini, di padre in figlio

 di Sir Bel articolo letto 587 volte

Andrea Signorini, figlio di Gianluca, ha segnato il suo primo gol in serie B, con la Ternana domenica scorsa.

Una soddisfazione "macchiata" poi dall'espulsione ma la gioia per lui "figlio d'arte" è stata grande, come racconta dalle pagine della Gazzetta dello Sport:

Ho sempre creduto nei miei mezzi. Come tutti i bambini che iniziano a giocare a calcio ho i miei sogni e i miei obiettivi: voglio ottenere il massimo, non è detto che ci riesca ma mi impegnerò per provarci.

Difensore, come suo padre: un accostamento che un po' pesa:

Sono orgogliosissimo del mio babbo: il più grande insegnamento dei miei genitori è l'educazione. Non penso di poter diventare come mio papà: lui era autorevole, uno con le palle e ce ne sono pochi così.  Per me rimane un grande esempio, però giocare con questo peso non è semplice. Quando faccio bene sono "uguale a", se invece faccio male divento "figlio di".

Sono molto legato al Genoa, ho esordito in Serie A col Grifone a 19 anni, ma tifo Pisa e quando posso vado allo Stadio.