Europeo 2020: super esordio dell'Italia, 3 a 0 alla Turchia

11.06.2021 22:51 di Franco Avanzini   Vedi letture

E' iniziato ufficialmente Euro 2020 con la gara di esordio tra Italia e Turchia valida per il girone A. In apertura la cerimonia di apertura con la Banda della Polizia in campo, 24 palloni coi colori delle bandiere che rappresentano le squadre partecipanti, ragazzi a mezz'aria coi tamburi e Andrea Bocelli che interpreta "Nessun dorma" dalla Turandot accompagnato da una ballerina e da fuochi di artificio che si levano dallo stadio Olimpico di Roma. Quindi ecco l'inno di Euro 2020 cantato da Bono,The Edge e Martin Garrex intitolato "We are the People". E quindi tutti in campo per la partita con la coreografia dei 16 mila tifosi che finalmente fanno sentire la loro voce, il loro tifo all'interno di uno stadio. 

Italia che fa la partita contro una Turchia molto chiusa che raramente mette il naso fuori della propria metà campo. Spinazzoli sulla sinistra e Florenzi con Berardi sulla destra cercano di mandare al centro alcuni palloni e di aggirare la retroguardia turca. La palla è spesso tra i piedi degli Azzurri che però costruiscono la prima palla gol al 22' con Chiellini che di testa chiama il portiere avversari Cakir alla deviazione copra a traversa. Arrivano buone opportunità ma niente di realmente pericoloso per la retroguardia avversaria. Tanta intensità e Italia che tiene per buoni minuti la Turchia chiusa nella propria area di rigore. Il secondo tentativo italiano ad un paio di minuti dalla chiusura del primo tempo con Immobile, potente ma centrale. 

La gara si sblocca dopo otto minuti della ripresa: Berardi crossa, Demiral interviene in maniera goffa mandando il pallone nella propria porta per la più classica delle autoreti, 1 a 0. Azzurri che spingono soprattutto a sinistra con un grande Spinazzola. Cresce la squadra di casa con Locatelli che impegna dalla distanza Cakir. Gioca bene l'Italia e al 21' arriva il raddoppio con Ciro Immobile che batte il portiere avversario che era stato abile a deviare la precedente conclusione di Spinazzola, 2 a 0. La differenza tra le due squadre è netta e il tris non può non mancare: Immobile per Insigne e pallone in fondo al sacco al 34'. La Turchia non rialza più la testa permettendo agli Azzurri di attaccare a testa bassa regalando grande spettacolo. Primi tre punti incassati che fanno benissimo al morale ed hanno messo in mostra una grandissima personalità da parte di tutta la squadra italiana. Completamente da rivedere invece la Turchia che praticamente mai è riuscita a farsi vedere dalle parti di Donnarumma.