Genoa, quale allenatore per la prossima stagione? Ecco le alternative

In cerca della conferma di mister Cesare Prandelli oppure del nome nuovo, la panchina del Genoa è tutta da definire, prossimi giorni importanti
04.06.2019 16:01 di Franco Avanzini   Vedi letture

Il Genoa avrebbe l'allenatore anche per la prossima stagione ed è Cesare Prandelli. Questo dopo la salvezza conquistata (o maturata, fate voi) all'ultima giornata del torneo scorso. Automaticamente il contratto del tecnico di Orzinuovi si è di fatto prolungato ancora per una annata. Questa è la base da cui partire intanto. Lo stesso Prandelli ha chiaramente fatto intendere che non darà mai le dimissioni e che vorrebbe provare a costruire qualcosa di nuovo in seno al Grifone. 

Ma, come tutti sanno, le cose non sono così lineari, anzi. La scelta dell'allenatore però non è stata ancora presa. Possibile che i prossimi due/tre giorni potrebbero diventare decisivi. Il presidente Enrico Preziosi e l'allenatore dovrebbero vedersi e a quel punto sarà presa la decisione definitiva. E le alternative?

I nomi principali sono quelli di Andreazzoli e di Semplici. Entrambi sarebbero ben visti dalla dirigenza rossoblu ma i due mister, rispettivamente di Empoli e Spal, non sono facili da raggiungere. L'allenatore dei toscani è appetito da molte squadre della massima serie e, si dice, il Brescia, appena promosso, se non riceverà l'ok da parte del tecnico Eugenio Corini, avrebbe bloccato proprio Andreazzoli  per il suo nuovo campionato di Serie A. 

Per quanto riguarda invece l'allenatore dei ferraresi tra oggi e domani darà la risposta definitiva proprio alla dirigenza emiliana. Restare in seno alla Spal oppure cercare una nuova avventura? Massimo 48 ore ed avremo la risposta definitiva. Anche su Semplici ovviamente non solo il Genoa ma altre società pronte ad ingaggiarlo. 

Altri nomi possibili sarebbero, a meno di un clamoroso ingresso tra i papabili, Sabri Lamouchi e Davide Nicola. Entrambi ex genoani, il primo ha portato il Rennes in Europa League per poi essere esonerato la stagione seguente con la squadra al 14esimo posto in Ligue 1 e terza nel girone di Europa League mentre il secondo ha condotto l'Udinese tra il novembre 2018 e il marzo 2019 per poi venir esnerato dopo le sconfitte contro Juventus e Napoli.