Gasperini: partite facili non ce ne sono

 di Gip articolo letto 62 volte
Consueta conferenza stampa pregara, nel primo pomeriggio di oggi, per il tecnico rossoblù Gian Piero Gasperini.Questi i concetti da lui espressi davanti ai giornalisti presenti nella sala stampa di Villa Rostan: Il Carpi:Partite facili non ce ne sono, soprattutto in un campionato equilibrato come questo, anche se è chiaro che preferisco giocare contro il Carpi che contro il Napoli.Per vincere sarà quindi comunque necessario riuscire a fare una grande prestazione, nessuno di noi considera facile una gara come questa.Abbiamo l'occasione di poter migliorare la nostra classifica, visto che in uno o due punti ci sono moltissime squadre.Per farlo occorrerà però riuscire a migliorare la nostra capacità realizzativa.Ora riusciamo comunque ad andare in gol con una certa continuità, abbiamo lavorato molto su questo, ma dovremo però cercare di migliorarci ancora. La squadra:Per domani mancheranno Dzemaili e Perotti, che è squalificato, oltre ovviamente a Munoz e Marchese.In particolare quella di Perotti è un'assenza pesante, soprattutto per una gara giocata in casa.Vedremo quindi se cambiare solo una pedina oppure se cambiare il modo di giocare, che è una cosa che il Genoa deve imparare a fare.E' un momento che siamo carichi, siamo sulla strada giusta perchè vedo la squadra crescere.Quindi quella di domani più che la partita della svolta, come mi è capitato di sentirla definire, spero che sia la partita della nostra conferma.All'inizio pensavamo fosse buono per noi girare alla fine del girone di andata a 20 punti, invece ora abbiamo la possibilità di fare anche meglio. Borriello e Pavoletti:Marco per noi è stato un giocatore importante, un giocatore dai grandissimi mezzi tecnici.Peccato perchè poteva fare una carriera ancora migliore di quanto non abbia comunque fatto.Pavoletti credo che possa raggiungere i livelli realizzativi del primo Borriello.E' un ragazzo serio, che lavora e sta crescendo moltissimo.Sarei davvero molto felice se riuscisse a raggiungere la nazionale, un traguardo per lui impensabile fino all'anno scorso, quando veniva poco utilizzato. Pandev:Il Genoa, soprattutto in attacco, sta andando meglio rispetto ad inizio campionato.Pandev è stato sfortunato perchè fra infortuni e squalifiche ha trovato poco spazio.Da parte mia comunque non cambia la considerazione che ho nei suoi confronti.Purtroppo a volte passano dei treni che vanno presi al volo.Se si perdono bisogna aspettarne un altro, che comunque sono sicuro che per lui arriverà. Rincon:Dovrò spingerlo a passare di più il pallone, perchè ora che ha trovato il suo primo gol non vorrei che ci prendesse gusto e tirasse sempre (ridendo  n.d.r.).E' davvero strano che un calciatore come lui non avesse mai segnato, anche se ad esempio a Roma contro la Lazio c'era andato molto vicino, colpendo però solo un clamoroso palo.La sua rete è comunque la conferma che ora riusciamo ad andare in gol con molti giocatori diversi. Gasperini, da tecnico scafato quale è, non cade certo nella trappola di sottovalutare un avversario come il Carpi, che nonostante la classifica deficitaria resta comunque una formazione pericolosa, che lotterà con le unghie e con i denti fino all'ultima giornata di campionato per cercare di conquistare la salvezza.Il Mister rossoblù è dunque pienamente conscio che bisognerà mantenere alta la tensione dei suoi ragazzi se si vuole cercare di fare per davvero un bel balzo in avanti in classifica.Forza ragazzi dunque. Gip