Juric: la Coppa Italia potrebbe diventare una cosa molto bella

 di GianPiero Gallotti articolo letto 981 volte

Prima conferenza stampa da tecnico del Genoa per Ivan Juric che, nella sala stampa di Villa Rostan, in vista della gara contro il Lecce in programma domani (ore 18,30) allo stadio Luigi Ferraris, ha risposto alle domande dei giornalisti presenti.

Questi i concetti da lui espressi:

 

Siamo tutti curiosi di vedere all'opera la squadra in una gara che conta, per la quale ci siamo preparati al meglio possibile.

Gakpè dovrebbe giocare al posto di Ocampos, che sta abbastanza bene, ma non penso di rischiarlo fin da subito.

Troveranno spazio all'inizio anche uno fra Ntcham e Pandev.

Sulla destra invece non abbiamo ancora sciolto tutti i dubbi.

Lazovic sta bene, si è potuto allenare regolarmente, ma non credo che partirà dall'inizio.

La Coppa Italia inizialmente tutti la snobbano, tranne poi darle importanza se invece si arriva verso il fondo. Per me è una competizione che potrebbe diventare una cosa molto bella per il Genoa.

Mi aspetto che la mia squadra giochi come ha fatto per buona parte della gara contro il Bastia, però per più tempo.

I miei giocatori sono tutti bravi, e mi dispiacerebbe partisse qualcuno, però è anche normale che la Società debba fare le sue valutazioni.

La rosa è comunque da completare.

Io vorrei arrivare ad avere 20 giocatori più 2 tutti dello stesso livello, ed in quest'ottica c'è ancora da fare.

Il Lecce lo metto sullo stesso livello dell'Alessandria, cioè una squadra che vuole salire di categoria e che si dovrà dunque affrontare con la giusta considerazione e concentrazione.

 

Il tecnico rossoblù, allla sua prima conferenza stampa pregara a Villa Rostan, è apparso fin da subito pragmatico, conciso e molto concentrato sugli obbiettivi che intende raggiungere.

Poche parole, ma chiare e dirette.

La sua avventura sulla panchina del Grifone sta per cominciare.

In bocca al lupo Ivan.

 

Gip