De Zerbi: "Puntiamo al settimo posto, domani gara importante"

08.05.2021 15:30 di Franco Avanzini   Vedi letture
Fonte: sassuolo channel

Sassuolo che punta all'Europa e che è atteso dall'incontro di domani contro il Genoa all'ora di pranzo. Il tecnico De Zerbi ha parlato a Sassuolo Channel presentando la sfida: "Non so se siamo più o meno forti rispetto al passato. Mancano quattro gare e siamo vicini alla settima. Giocheremo contro un Genoa che si gioca la salvezza, una gara non semplice ma siamo concentrati per ottenere il massimo. Non faremo calcoli. Forse sembrava difficile qualche tempo fa arrivare così in alto ma le nostre vittorie e le concomitanti sconfitte della Roma ci permettono di puntare ad un sogno partito tre anni fa. Sarebbe un peccato non giocarlo al massimo. Dovremo essere sereni. Abbiamo non solo tutto da guadagnare ma anche da perdere perché noi dobbiamo far di tutto per arrivare settimi".

Il tecnico degli emiliani parla anche della prossima avversaria: "Il Genoa sta facendo benissimo, è sotto gli occhi di tutti e lo dimostra il cammino svolto nel girone di ritorno. Non era facile neppure contro la Sampdoria o l'Atalanta o vincere a Milano. Non è una cosa che non ci fa dormire giocare contro il Genoa, vedremo come si svilupperà la partita"

Sulle assenze De Zerbi dice: "Caputo verrà in panchina. Perdiamo Magnanelli e probabilmente Boga oltre a Marlon squalificato ma la squadra sta bene mentalmente e tecnicamente. Dobbiamo fare il Sassuolo, essere concentrati, non commettere errori e non giocare con superficialità".

Settimana da tre gare, ci sarà turn over? "La formazione sarà la migliore per domani. A mercoledì penserò in futuro". 400 gare per Consigli: "Consigli è una mia grande soddisfazione a Sassuolo cui aggiungo Pegolo che è un collega. Si è approcciato in maniera spettacolare a questa squadra. Domani Andrea farà 400 gare in A. E' da studiare, uno come lui che si auto motiva e si auto stimola. E' sempre pronto in allenamento, tirato a puntino e sempre molto motivato. Lui insiste a dire che è innamorato del calcio e pronto a tenersi stretto questo lavoro. Ma come lui ci sono anche Magnanelli e Pegolo che ha 40 anni ed è sempre un martello in allenamento"

Disgressione sul futuro, l'arrivo di Mourinho a Roma: "L'arrivo di Mourinho è molto importante per il nostro campionato e speriamo arrivino anche altri giocatori importanti per migliorarlo ancora di più. In fondo i protagonisti principali restano i giocatori e gli allenatori".