Genoa, il pagellone di fine stagione, tra promossi e bocciati

07.08.2020 10:15 di Franco Avanzini   Vedi letture

E' finito il campionato 2019/2020, il più lungo nella storia del calcio italiano, durato quasi un anno dalla seconda metà di agosto 2019 alla prima dell'agosto 2020, con la salvezza all'ultima giornata del Genoa. Come facciamo annualmente anche in questa calda estate vogliamo dare i voti ai giocatori che hanno vestito la casacca a quarti rossoblu. Pagelle che ovviamente facciamo solamente per far parlare un po' voi tifosi, semplici giudizi su quella che è stata la tredicesima annata consecutiva in Serie A in attesa della quattordicesima.

PORTIERI

Mattia Perin voto 6.5: forse patisce inizialmente il fatto di esser stato lontano dai campi di gara a causa di un infortunio, piano-piano prende corpo ed animo e gestisce al meglio la parte finale della stagione con qualche buon intervento

Federico Marchetti voto 6: un ottimo dodicesimo che dalla panchina non fa mancare mai il proprio appoggio alla squadra

Salvador Ichazo voto n.g.: fa numero e poco più

DIFENSORI

Cristian Zapata voto 5.5: forse ci si attendeva qualcosa di più da lui, commette qualche errore nella  retroguardia, è mancata un po' la continuità

Domenico Criscito voto 6: genoano sicuramente, rigorista quasi infallibile, cala nel finale di stagione laddove non riesce a spingere sulla fascia di appartenenza con continuità

Edoardo Goldaniga voto 6.5: inizialmente non si vede mai, con mister Nicola vede maggiormente il campo. Un paio di interventi in spaccata salva risultato, uno ad Udine e uno nel derby

Davide Biraschi voto 6: parte bene, qualche buona serpentina in avanti e qualche ottimo anticipo, si perde un po' dopo il lockdown quando sembra stanco e non propriamente in gran forma

Cristian Romero voto 6: segna un gol importante contro il Verona ma troppi cartellini gialli in stagione lo pongono tra i difensori più "cattivi" del campionato. Deve frenare un po' il suo istinto ma certamente ha un grande futuro dinanzi a se

Andrea Masiello voto 6: arrivato a gennaio gioca subito una grande gara contro la sua ex squadra, da sicurezza al reparto anche se pure lui, come i compagni, soffre il rientro in campo dopo la sosta a causa della pandemia di coronavirus

Adama Soumaoro voto 5.5: partito alla grande pareva che la dirigenza del Genoa avesse trovato il nuovo Koulibaly ed invece poi si spegne alla lunga sparendo dai radar della prima squadra

CENTROCAMPISTI 

Antonio Barreca voto 5: non si vede quasi mai e solo raramente mette in mostra le sue doti. Incide davvero poco sulla salvezza del Genoa

Lukas Lerager voto 6.5: il voto è tutto per il gol che ha permesso al Genoa di vincere il derby. Per il resto non fa certo impazzire i tifosi genoani

Filip Jagiello voto 6: oggetto misterioso inizialmente poi, nel finale di stagione, si. mette in mostra con l'assist nel derby e prestazioni interessanti

Sebastian Eriksson voto n.g.: mai visto in campo, neppure negli ultimi minuti delle partite. La domanda appare logica: perchè è stato portato a Genova?

Lasse Schone voto 5.5: una delusione. Da lui ci si attendeva molto ed invece solo raramente ha fatto intuire le sue capacità Vero anche il fatto che talvolta non abbia giocato nel suo ruolo naturale. Un rigore sbagliato pesante contro il Milan 

Paolo Ghiglione voto 5.5: partito benissimo, si era messo in mostra come un crossatore perfetto. Piano-piano poi è sparito perdendo il posto in squadra e venendo relegato alla panchina praticamente senza soluzione di continuità

Ivan Radovanovic voto 6: un grave infortunio lo ha mandato k.o. a Bologna, centrocampista sicuramente capace nell'aprire il gioco ma pure un rigore sbagliato pesante in Coppa Italia a Torino contro i granata

Stefano Sturaro voto 5.5: ci si attendeva tutti di più dall'ex juventino ed invece ha davvero fatto vedere pochino in campo anche a causa di una condizione fisica non propriamente ottimale

Francesco Cassata voto 5.5: non è mancata la corsa e neppure la voglia di fare in campo, un bel gol contro la Lazio, un altro importante contro il Milan ma anche la sensazione che non riuscisse a regalare quel tocco in più alla squadra

Peter Ankersen voto 5.5: si è visto poco e non ha inciso regalando pochissime giocate ai tifosi. poca corsa sulla fascia di appartenenza

Marko Pajac voto 5: poche apparizioni poi dopo il lockdown sparito definitivamente dai radar della rosa genoana

Valon Behrami voto 6: grinta da vendere e tante buone parole per i compagni di reparto cercando sempre di trovare la quadra più giusta. Di certo un elemento importante che ha messo in mostra tutte le sue caratteristiche col rossoblu addosso

ATTACCANTI

Toni Sanabria voto 6.5: con mister Nicola ha trovato la miglior forma e una buona continuità. Decisivo nella partita contro il Verona ma memorabile soprattutto la sua rete a Bologna

Iago Falque voto 5.5: arrivato dal Torino con un infortunio sul groppone ci ha messo un po' ad entrare in forma poi in campo non è riuscito a regalare ai tifosi a casa moltissime giocate

Goran Pandev voto 7.5: il migliore di tutti. Il 37enne attaccante macedone ha regalato al Genoa giocate di classe, assist e gol importanti. Una lunga stagione da incorniciare

Mattia Destro voto n.g. : chi l'ha visto? Rare apparizioni e senza mai incidere sul risultato anche perché non ha mai concluso verso la porta avversaria in molte occasioni

Andrea Pinamonti voto 5.5: da lui ci si attendevano i gol e ne ha fatti davvero pochini nonostante il selezionatore italiano Roberto Mancini abbia continuato a dire che è lui il futuro dell'attacco azzurro. Mai mancata la voglia e la grinta, intendiamoci; ma da un centravanti ci si attendono i tiri verso la porta avversaria

Andrea Favilli voto 5: una delusione perché le attese, ad inizio stagione, erano ben altre. Non ha mai centrato la porta avversaria e spesso è partito dalla panchina