Igor Tudor: "Non mi piace il calendario ma non deve essere una scusa"

24.09.2021 12:02 di Franco Avanzini   vedi letture

Il tecnico del Verona Igor Tudor ha parlato in conferenza stampa presentando la sfida di domai sera (ore 20.45) al Ferraris contro il Genoa. Si chiude il mini ciclo di tre gare: "Non so come sta la squadra. Non mi piace questo calendario, complimenti a chi lo ha concepito. Dopo la gara contro la Roma siamo stati a Salerno e dopo due giorni a Genova. Questo però non deve darci alcuna scusa, dovremo fare una grande partita contro una grande squadra come è il Genoa".

Tra le notizie positive c'è sicuramente quella riguardante Kalinic autore di una grande prestazione a Salerno: "Vedremo come starà oggi e poi deciderò chi fare giocare domani. I cinque cambi a gara sono utili perché possono cambiare il corso della partita. Non voglio che ci siano giocatori che entrano e dopo 20 minuti sono già stanchi. Con il nostro modo di giocare i cambi devono aiutarci a crescere".

Poco tempo per allenare tra una gara e l'altra: "Con un calendario così fitto si sapeva che potevano esserci questi inconvenienti. Dobbiamo pensare a chiudere al meglio questo mini ciclo di sfide. Sono certo che faremo una bella gara a Genova". Tra i giocatori da recuperare c'è Miguel Veloso: "E' un leader, un giocatore chiave, un punto di riferimento. Contento che abbia ripreso a correre e che a breve possa tornare a disposizione". Ilic e Caprari stanno migliorando ma hanno margini ancora per far meglio: "Sono giocatori di qualità, tocca a loro crescere ancora. Lavorando sono certo che ci toglieremo delle belle soddisfazioni". Troppi gol presi: "Ma della difesa sono contento perché le reti presi sono state a causa di errori individuali. Dovremo lavorare sulla capacità di lavorare bassi e imparare a soffrire"