Serie A: il sindacato Rai contro lo "spezzatino" del campionato

05.06.2021 20:32 di GianPiero Gallotti   Vedi letture

Il sindacato della Rai ha emesso un duro comunicato contro l'ipotesi, che sembra prendere sempre più consistenza, di non avere più per il prossimo campionato nessuna partita della massima serie in contemporanea.

Per il prossimo campionato, su proposta appoggiata dalla Lega Calcio e da Dazn (proprietaria dei diritti tv della Serie A per il prossimo triennio) si potrebbe infatti andare verso una distribuzione delle gare di ogni turno di campionato in ben dieci orari diversi nello stesso weekend.

Contro questa ipotesi si è dunque scagliato il sindacato della tv di Stato, che ha emesso il seguente comunicato:

"Lo spezzatino della Serie A è la vittoria arrogante del business sui tifosi e gli appassionati. In tanti si sono riempiti la bocca con slogan come "il calcio è dei tifosi" quando si trattava di bloccare la SuperLega. E oggi? "Video killed the radio star": lo spezzatino imposto dai diritti tv rischia di ammazzare la trasmissione di Radio 1 "Tutto il calcio minuto per minuto", dopo oltre 60 anni di storia.
Così come rischia di abbattere il valore di trasmissioni tv come 90esimo minuto, già oggi messa in difficoltà da embarghi assurdi e anacronostici.
A farne le spese saranno i cittadini che non possono permettersi un abbonamento pay, che da quest'anno deve essere agganciato a un abbonamento per linea web veloce.
Stupisce il silenzio della Rai. AD e CdA, seppur in scadenza, hanno il dovere di difendere patrimoni del Servizio Pubblico, e della storia del racconto dello sport".

Gip