Qatar 2022 quarti, Argentina in semifinale all'ultimo rigore

09.12.2022 22:58 di Franco Avanzini   vedi letture

Europa contro Sud America, nuovo duello. L'Olanda prova a travestirsi da Croazia per superare l'Argentina. I Sud Americani partono subito a tutta birra cercando la rete sin dai primi minuti. Sotto linea della palla con le punte entrambe le formazioni. Orange che sono più manovrieri ma pure più lenti. Depay e Gakpo possono far male, i difensori dell'albiceleste lo sanno e chiudono le fila ogni volta che i due attaccanti entrano in possesso palla. 

Messi è unico, fa cose che i normali calciatori non fanno, non solo gol ma pure con assist impossibili, incredibili. E' lui ad inventarne uno per Molina che ha solamente l'onore di mettere il suo nome sul tabellino dei goleador. Tutto il merito è tutto però della "pulce" argentina. I calci piazzati possono creare problemi ai "bassi" giocatori sudamericani. Un paio di cross in area creano mischie e paure per il portiere Martinez. 

L'Olanda prende in mano la gara nella ripresa ma la sua azione è troppo prevedibile e lenta e per l'Argentina non è difficile chiudere gli spazi senza rischiare in maniera esagerata. Il problema degli europei sta nel fatto che sono abulici in attacco e non trovano l'ultimo passaggio, così il possesso palla resta fine a se stesso. Tanto è vero che in pratica il portiere dei sud americani in pratica non deve compiere parate difficoltose. 

Così Acuna conquista un rigore e Leo Messi mette la firma sul risultato trasformandolo da par suo. Olanda che avrebbe dovuto fare di più, nessun tiro in porta in pratica, davvero non poteva pensare di andare avanti cercando solamente di contenere gli avversari. Ma gli orange hanno cuore e la riaprono con Weghorst di testa. A questo punto l'Olanda ci crede attaccando a testa bassa.

Nervosismo latente tra le due squadre con un maxi recupero. Argentina che paga in difesa i centimetri rispetto agli attaccanti avversari. La serata di Weghorst prosegue al 101esimo con il gol del pareggio dopo aver chiuso alla perfezione una punizione dal limite battuta da Koopmeiners. E i supplementari arrivano anche qui nel secondo quarto di finale. 

Torna a giocare l'Argentina ed ad attendere nella propria metà campo l'Olanda. In pratica si è ripreso dallo stesso momento in cui la squadra sud americana si trovava in vantaggio ovvero ad avanzare e ad annullare le rare azioni avversarie. La stanchezza si fa sentire nelle due squadre che ovviamente iniziano a pensare ai rigori e quindi a non scoprirsi troppo. Albiceleste che ci prova anche nell'ultimo quarto d'ora con Messi che però non trova l'angolo giusto, Lautaro Martinez invece la porta la centrerebbe se non ci fosse Van Dijk. Solo Argentina nel finale. E al 120esimo Enzo Fernandez colpisce un palo clamoroso con un tiro dalla lunga distanza. Ed eccoci ai rigori.  

Van Dijk (parato), Messi (gol), Berghuis (parato), Paredes (gol), Koopmeiners (gol), Montiel (gol), Werghost (gol), Fernandez (fuori), De Jong (gol), Lautaro Martinez (gol)