Remember Genoa: "triplete" con la Primavera, poi poco altro

26.05.2020 14:12 di Franco Avanzini   Vedi letture

In un periodo dove il calcio, giustamente, è stato messo in ultimo piano e si parla solamente delle vittime e dei contagi causati dal Coronavirus, noi di Genoanews1893.it abbiamo deciso di proporvi qualche aneddoto su determinate gare che il Genoa ha disputato dal 1990 ad oggi. Un modo come un altro per cercare di allietarvi in questi momenti bui nei quali il pensiero va principalmente alla situazione drammatica che si è venuta a creare in Italia e nel mondo in generale. Il nostro impegno è solamente portato a regalarvi, anche solo per un istante, qualcosa di più leggero, restando sempre pronti a ricordarvi peraltro di "stare a casa" per fare in modo che il virus venga totalmente e nel più breve tempo possibile sconfitto e debellato.

Tra il 2009 e il 2010 la Primavera del Genoa vince tutto in campo nazionale: la Coppa Italia di categoria, il Campionato omonimo e la SuperCoppa di Lega Primavera. In quest'ultima competizione realizza due reti nel 5 a 0 conclusivo contro il Milan. Per Richmond Boakye il futuro appare rosa e le grandi squadre cominciano ad interessarsi a lui.

Il giocatore, ghanese di nascita, era stato prelevato dalla dirigenza rossoblu quando, giovanissimo, arrivò in Italia con i D.C. United di Accra per partecipare ad un torneo in quel di Montecchio Maggiore. La sua bravura fu evidente a tutti e il Genoa non se lo lasciò scappare. Ed in effetti le movenze feline, la capacità realizzativa e la corsa portarono tutti a pensare che Boakye potesse diventare un vero e proprio crac per le casse genoane.  

Arriva così il 3 aprile 2010 l'esordio con la squadra maggiore ligure nell'incontro interno contro il Livorno, entrando in sostituzione di Suazo e riuscendo subito ad andare a rete, diventando così il terzo marcatore debuttante più giovane nel campionato nostrano. Sarà però quella l'unica rete nelle sette presenze con la maglia della squadra ligure. Tutti si aspettano la sua riconferma nella stagione successiva ma Boakye viene dato in prestito al Sassuolo. Intanto la Juventus lo prende in comproprietà girandolo nuovamente alla squadra emiliana prima e all'Elche dopo. Ma il giocatore non sfonda.

Tenta così l'avventura all'Atalanta, per poi chiudere con l'Italia in Serie B nel Latina. Da quel momento Boakye si trasferisce in Serbia alla Stella Rossa dove realizza ben 27 reti in 30 presenze. Va quindi in Cina per poi far ritorno in quest'ultima stagione alla formazione di Belgrado dove, dal 2018, scende in campo in 24 circostanze segnando 14 reti. 

Probabilmente l'Italia era troppa per lui, ma resterà però sempre nella memoria dei genoani quale artefice di un "triplete" difficile da ripetere, seppure a livello di squadra Primavera.