Perin: "Ora la priorità è la salute"

04.04.2020 13:09 di GianPiero Gallotti   Vedi letture
Fonte: Gazzetta dello Sport

Il portiere del Genoa Mattia Perin ha rilasciato un'intervista alla Gazzetta dello Sport affrontando diversi argomenti.

Questi i principali concetti da lui espressi:

Quando sono tornato al Genoa ne venivo da nove mesi di inattività e riabbracciavo un ambiente lasciato un anno e mezzo prima. Però mi sono sentito subito a casa. Qui mi hanno visto crescere, da quando ero ragazzino ho passato tanto tempo al Signorini, che ora è pure cresciuto a livello di strutture.

La Juve mi ha lasciato tante cose positive. Ho capito cosa vuol dire lavorare duramente per ottenere sempre la vittoria.

Quando sono andato via sapevo che sarei tornato, perchè ci lega una storia speciale. Sono cresciuto qui, la mia prima figlia Vittoria è nata a Genova e ora è in arrivo un secondo bambino.

Nel Genoa ho esordito da professionista, guadagnando la Nazionale. Ora avevamo bisogno l'uno dell'altro. Quando ho sentito il Presidente non ci ho pensato due volte, nonostante la situazione di classifica e le molte richieste. Ho sempre fatto scelte coraggiose.

Sono debitore verso la famiglia Preziosi. Ha creduto in me fin da quando avevo quindici anni e mi ha permesso, attraverso il Genoa, di raggiungere i sogni che avevo fin da bambino.

Nicola ed il suo staff stanno facendo un grande lavoro a livello tecnico tattico, di motivazione e di comprensione dei singoli. Sorprendente. Penso che la svolta sia arrivata così.

Un momento chiave fu prima della gara contro la Fiorentina. Il Mister ci ha radunati, tenendo un discorso alla squadra. Solo noi e lui. Al termine ho visto gli occhi dei compagni e le loro espressioni cambiati totalmente. Trasmettevano energia positiva. Ho poi rivisto ancora quegli sguardi. Così sono arrivate grandi prestazioni.

Ora la priorità è la salute. Ci sarà poi tempo per parlare del mio futuro al Grifone.

Gip