Blessin: "Torino squadra fisica, dovremo esser bravi nei singoli duelli"

17.03.2022 14:40 di Franco Avanzini   vedi letture

Sette pareggi consecutivi sono il bottino conseguito sin qui dal tecnico del Genoa Alexsander Blessin. Domani sera, alle ore 21, la sua squadra affronterà il Torino allo stadio Luigi Ferraris, in un sfida da non sbagliare occorrono i tre punti per alimentare la fiammella della speranza salvezza. L'allenatore tedesco ha parlato in conferenza stampa presentando la partita contro i granata allenati da mister Ivan Juric: "Sarà una partita importante. Lo ha detto anche il presidente. Letti i dati a fine gara dimostrano che sono tutte partite della vita".

Dopo la lunga sequela di segni ics, occorre sfatare la tradizione negativa del Ferraris, cosa ci vorrà per superare i granata? "Serve quanto abbiamo messo in mostra nelle ultime gare. Juric ha lavorato assieme a Gasperini e fa giocare la sua squadra in maniera simile a come gioca l'Atalanta. Abbiamo visto come giocano e sappiamo a che gara andremo incontro".

A Bergamo in campo è andato un undici diverso dal solito a causa delle squalifiche e degli infortuni, si riproporrà la stessa squadra domani oppure con il rientro di qualche giocatore ci saranno dei cambi? "L'importante è avere adesso a disposizione giocatori forti che possano aiutare la squadra. Qualcosa cambieremo, un paio di giocatori, anche se dobbiamo ancora decidere in quale ruolo. Sarà basilare che, come accaduto a Bergamo, anche domani tutti aiutino la squadra nel raggiungimento di un risultato positivo".

Un Genoa che in queste ultime gare mette paura un po' a tutti, incontrarlo non è semplice per nessuno, lo aveva detto Gasperini e lo ha ribadito lo stesso allenatore del Torino Juric: "MI fa piacere che il tecnico avversario a fine gara ci faccia i complimenti. Io però ancora non ho ottenuto nulla qui. L'importante è che la squadra metta sempre in difficoltà l'avversaria quando scende in campo. Domani prevedo una partita molto dura contro una compagine molto fisica. Sarà una battaglia in campo e noi dovremo esser bravi a vincere i duelli uno contro uno".

Torino che in attacco hanno un giocatore forte come Belotti: "Belotti cerca la profondità ed è fortissimo. E' bravo a coprire il pallone con il corpo. Per limitarlo dovremo esser bravi a difendere da squadra". Si è parlato molto del rigore non dato ai granata contro l'Inter, pure il Genoa può lamentarsi nei confronti degli arbitri: "Per quanto riguarda noi possiamo lamentarci per alcune situazioni poco chiare in area di rigore. Ci si arrabbia al termine delle gare ma non possono essere cambiate le cose. Gli arbitri possono sbagliare, il Var li aiuta ed è una cosa positiva. Occorre sempre accettare le loro decisioni, sono neutrali in campo. Speriamo in un buon arbitraggio domani ma vogliamo vincere senza aiuti".

Frendrup è stata una sorpresa a Bergamo, sarà riproposto nell'undici di partenza? "E' importante poter contare su giocatori bravi. Per l'allenatore è sempre una decisione non semplice e questo vuol dire che chi è andato in campo ha giocato bene. Avere in panchina elementi forti è importante perché se dopo un po' di tempo si deve cambiare qualcosa lo si può fare con elementi di qualità".

Tra i giocatori da recuperare ci sono Hefti e Gudmundsson: "Stanno meglio, sono entrambi a disposizione". Uno dei giocatori che ancora non si sono praticamente visti è l'attaccante Piccoli: "Piccoli si è allenato bene e domani sarà convocato". In attacco possibile vedere assieme Yeboah e Destro? "E' anche questa una opzione. In campo andrà certamente una formazione che sia la migliore e che possa dare il massimo".