L'avversaria di turno, la Spal: un attaccante in doppia cifra

11.07.2020 10:00 di Franco Avanzini   Vedi letture

Praticamente in Serie B eppure con un attaccante arrivato già in doppia cifra. E' la strana storia della Spal che può vantare nel reparto offensivo un giocatore da 12 reti in trenta gare giocate con cinque rigori realizzati. Andrea Petagna a Ferrara ha trovato la sua dimensione dopo stagioni nelle quali risultava più assist man che goleador. Parlano i numeri per lui: 63 gare giocate sia a Bergamo che in Emilia ma solamente 9 reti in Lombardia e 28 con gli estensi. Le sue migliori stagioni proprio con la casacca a strisce verticali bianco-celesti. 

Eppure nonostante Petagna la Spal pare oramai destinata alla retrocessione. Questo a causa di una difesa certamente non imperforabile e ad alcuni giocatori che non hanno regalato continuità alla loro stagione. Il tecnico Gigi Di Biagio ci ha provato sin da subito a risistemare la baracca ma la cosa non è andata a buon fine. Eppure in attacco l'alternativa a Petagna non è propriamente un "pivello" di primo pelo ma quel Sergio Floccari che ha vestito anche la casacca del Grifone in due distinte stagioni. La prima nel 2002/2003 con solamente 9 gare giocate e una rete realizzate e quindi nel 2009/2010 quando segnò 4 reti scendendo in campo in 11 circostanze.

Un altro elemento che da Genova è passato è il difensore Nenad Tomovic che aveva vestito la maglia a quarti rossa e blu tra il 2009 e il 2011 quando scese in campo in 14 occasioni poi una seconda tornata genovese nel 2012 quando però fu di fatto poi ceduto alla Fiorentina senza mai scendere in campo. Nella retroguardia spallina c'è pure Ervin Zukanovic che in Liguria è stato tra il 2017 e il 2019 collezionando 57 presenze. 

In mezzo al campo è arrivato a gennaio Dabo, centrocampista coriaceo, tecnicamente valido, forza fisica imponente e corsa. Di certo un elemento che probabilmente avrebbe potuto servire anche alla causa rossoblu. Sulla fascia esterna c'è pure Lucas Castro che era stato accostato al Grifone senza però riuscire a sbarcare sotto la Lanterna. 

Spal praticamente retrocessa ma che renderà cara la vita al Grifone se non altro per onorare lo sport e in fondo mantenere accesa una fiammella davvero labile nella lotta per la retrocessione.