The Day After, solito Genoa, 45 minuti bene poi la discesa

03.12.2023 10:00 di Franco Avanzini   vedi letture

Non ci stupiamo più di nulla quando vediamo giocare il Genoa. La squadra di mister Gilardino ancora una volta manda un segnale negativo per i secondi 45 minuti di gara. I rossoblu persa la bussola in mezzo al campo appena l'Empoli ha inserito giocatori freschi e vogliosi, sono stati messi sotto dagli avversari che avanzavano a folate, magari senza creare occasioni da rete ma sempre restando pericolosamente nella metà campo avversaria. Un peccato perché conquistare i tre punti avrebbe potuto mettere meno ansia nei liguri in vista delle prossime gare che sicuramente non saranno semplici. 

Non sono bastati gli ultimi 10 minuti in cui l'Empoli ha arretrato il baricentro ed il Genoa lo ha alzato. Ma anche in questa breve fase offensiva non ci sono stati praticamente tiri in porta. Basta guardare il tabellino e si scopre che Genoa ed Empoli hanno effettuato un tiro in porta per uno, ovvero le due reti. Ma se per i toscani andava bene così, la stessa cosa non la si può dire per il Grifone. Un solo tiro in porta è davvero poca cosa nonostante il lavoro svolto soprattutto da Junior Messias e la presenza di Mateo Retegui.

Tre i giocatori da mettere nel binocolo: i due sopra citati più Ruslan Malinovskyi. L'ex Milan è stato il punto di riferimento di questa squadra. Ha toccato tanti palloni, colpito una traversa e saltato spesso l'avversario diretto. Tanta qualità ed una corsa da centrocampista che può fare molti ruoli, una gara importantissima per i minuti in cui è rimasto in campo. L'italo argentino va ritrovato. La forma è alquanto bassa ma più di così non ci si poteva attendere. Solo giocando potrà migliorare ed intanto sul prato verde ci è rimasto per 90 minuti e probabilmente questo nessuno se lo aspettava. L'ucraino ha segnato ancora ma purtroppo, in questo suo momento migliore, ha preso anche un giallo che gli farà saltare Monza. Peccato perché sembrava essere questo il periodo migliore per lui e soprattutto aveva iniziato a prendere fiducia e a cercare la porta dalla distanza.

Arriva la gara di Coppa Italia contro la Lazio. Cosa fare? Giocarla al massimo oppure lasciare correre puntando tutto sulla sfida di campionato contro il Monza? Mister Gilardino probabilmente potrebbe presentare una squadra con elementi che hanno giocato meno con un Malinovskyi in più visto che sarà squalificato e chissà che non si possa vedere lo stesso Retegui per permettergli di acquisire minuti nelle gambe. Sarebbe bello poter proseguire nella manifestazione nazionale e superare quello scoglio che negli ultimi anni ha sempre chiuso l'avventura genoana. 


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie