Gilardino: "A Roma dovremo comportarci da Genoa"

26.08.2023 13:36 di Franco Avanzini   vedi letture

Il Genoa partirà nel pomeriggio alla volta di Roma dove domani sera affronterà, per la seconda giornata di campionato, la Lazio di mister Sarri. Il tecnico Alberto Gilardino ha parlato nella sala stampa del Centro Sportivo Signorini presentando così la gara: "La Lazio è una quadra molto forte con un grande allenatore. Ha giocatori di grande qualità ed un gruppo molto solido. Sappiamo le difficoltà cui andremo incontro ma ho chiesto ai ragazzi la giusta reazione dopo l'ultima gara casalinga. Per loro mi butterei nel fuoco dalla grande stima che ho per loro. Spero lo facciano loro stessi. Dovremo comportarci da Genoa".

Qualche novità nel modulo che affronterà la compagine capitolina? "Ci sono possibilità di cambiare modulo sia a gara in corso che dall'inizio. Una delle idee è di affiancare Malinovskyi a Gudmundsson con Retegui. Dovremo capire quanti minuti ha nelle gambe l'ex atalantino". A quando il vero Genoa? "Mi aspettavo di essere più avanti in questo periodo. Sono arrivati giocatori come Haps che al pari di Messias da molto non giocano a causa di un infortunio. Conosco la Serie A nella quale ho sofferto per salvarmi ma ho anche vinto. Spero che in questa settimana la società intervenga perché, ad esempio, con Strootman squalificato, contro la Fiorentina avevo solo Jagiello in panchina. Non vuole essere un alibi questo ma è la realtà dei fatti. Spero che il mercato termini il più in fretta possibile. Per costruire un'identità di squadra ci vuole tempo. Per trovare soluzioni non dormo la notte".

Cosa c'è da cambiare rispetto alla gara contro la Viola? "Non mi è piaciuto come abbiamo preso la terza rete, anche se c'è da dire che per nessuno è facile trovarsi sotto 2 a 0 dopo pochi minuti dal fischio d'inizio. I giocatori più esperti devono prendersi delle responsabilità". Che Lazio affronterà il Grifone? "Ha tantissimi campioni in squadra ed è preparata da un maestro della panchina. Siamo una neo promossa, dobbiamo dare tutto noi stesso e ricordarci che indossiamo una maglia importante". Sui nuovi e su Vogliacco: "Haps è appena arrivato e da sette mesi non gioca, Messias lo avrò dopo la sosta mentre Vogliacco sta gradualmente recuperando"


Altre notizie - La voce del Mister
Altre notizie