Negativa positività

30.09.2020 17:30 di Luca Canfora   Vedi letture

Dunque viene confermata la positività dei 14 elementi della rosa del Genoa, e nelle prossime ore scopriremo se altri si aggiungeranno alla lista. Direi che, a meno di cervellotiche ed insensate decisioni che danneggino ulteriormente il Genoa e tutti gli altri, sabato non si possa disputare Genoa Torino. 

Ma ovviamente il cuore della questione è più ampio. Siamo solo a settembre, ancora non sono arrivati i vari virus influenzali di stagione, che appena si mescoleranno al Covid creeranno una situazione difficile da decifrare e da gestire. E non tanto nel calcio, perché io parlo di scuola, parlo di attività lavorative già in ginocchio, parlo delle strutture ospedaliere e del personale medico ed infermieristico, che dopo una breve pausa estiva potrebbe ritrovarsi nuovamente nella centrifuga di una emergenza che abbiamo cercato di dimenticare. Parlo della nostra salute, della nostra vita.

Che anno incredibile. Una altalena continua tra paure, insicurezze, isolamento, solitudine, incredulità, poi l'uscita dal tunnel, l'estate, ed ora di nuovo lo spettro della paura. Da marzo ad oggi mi sembra trascorso un secolo. E sembra trascorso un minuto. Non sono nemmeno sicuro di avere vissuto veramente, come fossi sospeso tra il passato, il futuro ed un presente assente, in attesa del proprio destino.

Io non voglio entrare nel dibattito sanitario, non è mia competenza ed i social sono già traboccanti di opinioni non richieste di persone senza le competenze per discutere di un virus o delle contromisure opportune ad affrontarlo.

Dico solo che serve uniformità nel modo di affrontarlo, in tutti gli ambiti, che sia al ristorante, a scuola, o nel calcio. Altrimenti si perde credibilità, ed efficacia. E dico che da cittadini, con un saggio equilibrio tra chi minimizza e chi è terrorizzato, dobbiamo continuare a comportarci in modo diligente e serio, utilizzando le mascherine nei luoghi chiusi, praticando una sana igiene personale, e minimizzando i rischi inutili senza rinunciare ad una vita attenta ma comunque abbastanza normale.

Sono sempre stato attratto ed affascinato dal linguaggio. Oggi la parola positività assume un significato negativo. E viceversa. Serve a ricordarci che, come nel Tao, dentro il bene c'è sempre un pochino di male, e dentro il male c'è sempre un pochino di bene. E' la vita. Affrontiamo con la necessaria serietà questo momento storico difficile, senza mai dimenticare che anche i temporali peggiori non durano in eterno.

Si tratta solo di avere ancora un pochino di attenzione, pazienza e fiducia nell vita.

   Luca Canfora