L'avversaria di turno, il Brescia: molto dipende da Balotelli

26.06.2020 14:04 di Franco Avanzini   Vedi letture

Mario Balotelli è l'ago della bilancia del Brescia. Il suo contributo sinora non è stato all'altezza di quanto la maggior parte dei tifosi lombardi si aspettava. Pochi gol, poche prestazioni all'altezza della sua fama, insomma un'attesa che è andata delusa. Essere profeti in patria è sempre stata molto dura e Balotelli lo sta capendo sulla propria pelle. Su di lui, ma non solo, poggiano le speranze di salvezza della squadra delle Rondinelle. Un percorso certamente non semplice ma neppure impossibile. A Firenze il punto preso lo ha dimostrato: la squadra di Diego Lopez non deve esser data per spacciata a prescindere.

Il Brescia non ha una rosa di giocatori importanti ma sicuramente qualche elemento da menzionare c'è.  Il portiere Joronen è certamente uno di questi. Il giovane numero uno finlandese è una sicurezza tra i pali e ha più volte dimostrato di essere meritevole del massimo campionato italiano. Le pesanti assenze di Cistana e Chancellor pesano non poco nella zona difensiva della squadra come pure quella di Bisoli a centrocampo per il quale il campionato è terminato anzitempo.

Il giocatore top di questa formazione è Sandro Tonali, uno dei 50 giovani più interessanti per la stagione 2019/2020 indicato dall'UEFA. Centrocampista centrale, ha una grande visione di gioco. All'andata segnò un gran gol proprio al Ferraris nella gara poi persa 3 a 1 dalle Rondinelle. Attenzione ai suoi calci di punizione sempre molto pericolosi. In attacco c'è poi Alfredo Donnarumma, 34 reti nelle 50 gare disputate, tra serie A e serie B, con la casacca delle Rondinelle bresciane. Predilige giocare quale seconda punta anche se può sistemarsi lungo tutto il fronte d'attacco della propria squadra.

Il Brescia non conclude moto in porta se è vero che in questa speciale classifica è ultimo con 202 conclusioni di cui 111 nello specchio della porta; è invece quinto nelle parate con 116 mentre percorre di poco più chilometri del Genoa, suo prossimo avversario. Sei delle sue reti sono arrivate grazie a colpi di testa, risultato che posiziona il Brescia al decimo posto in questa graduatoria.