Davide Nicola: "Nessuna paura di vederci scappare di mano il successo"

19.07.2020 22:55 di Franco Avanzini   Vedi letture
Fonte: genoacfc.it

Il tecnico del Genoa Davide Nicola ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine del match vinto 2 a 1 sul Lecce: "Non ho temuto di perdere i due punti dopo il loro pareggio. Ero consapevole che nello scontro diretto come lo sono stati quelli contro la Spal, il Brescia o l'Udinese si poteva anche perdere. Ma occorre guardare alla gara partendo dall'inizio. La partita è stata interpretata molto bene dai ragazzi occupando il campo  con un 4-2-3-1 siamo riusciti a sviluppare quel gioco tra le linee che poteva mettere in difficoltà il Lecce. Abbiamo trovato un gol molto bello e dovevamo continuare a tenere quel baricentro ma queste gare così delicate di portano a gestire la partita e noi non possiamo farlo. Dobbiamo pensare gara dopo gara, adesso pensiamo a quella di mercoledì dopo aver messo a posto quelle cose che vanno migliorate. La partita dice che strategicamente abbiamo lasciato una risorsa agli avversari che abitualmente non utilizza che sono i cross. Il gol che abbiamo subito è stato un gollonzo. Perin non ha fatto parate, solo subito molti traversoni".

Come arriva il Genoa al derby? "Noi arriviamo ad una gara importante quanto poteva essere quella con il Lecce. Lo sappiamo tutti ma è una situazione tanto atipica e difficile che giocare così fanno nascere delle sorprese. Abbiamo perso Sturaro, Sanabria ha chiesto il cambio alla fine del primo tempo, vanno analizzate con calma le situazioni". Un derby senza pubblico: "Se lo chiedete a me, l'ho già detto. Il nostro lavoro diventa sensato quando c'è qualcuno che ci guarda. La nostra gente è straordinaria, nessuno è contento di questa situazione ma siamo professionisti e dobbiamo continuare a lavorare così. Non ci piace ma non possiamo fare diversamente".

Sulle condizioni degli infortunati, il tecnico Nicola dice: "Vedremo domani quando ci ritroveremo a Pegli. Abbiamo appena finito una gara e valuteremo la situazione". Della Sampdoria teme: "Non ho l'abitudine a temere qualcosa ma solo a rispettare gli avversari. Mi interessa la crescita della mia squadra. Dal 26 dicembre mi concentro ogni giorno su questo. Anche questa gara deve essere un modo per avvicinarci al nostro obiettivo".