The Day After, turn over troppo accentuato, ma manca un rigore su Fini

06.12.2023 10:00 di Franco Avanzini   vedi letture

Il turn over in Coppa Italia Frecciarossa può starci. Ma cambiare praticamente nove giocatori su undici lasciando solo Retegui e Dragusin dei titolari in campo ad inizio sfida non è stata certamente una bella cosa. La dimostrazione è che il Grifone, tolti i primi undici non ha grandissimi cambi. La fascia destra ha dimostrato che Sabelli è imprescindibile in questa squadra perchè Hefti non riesce a mettersi in mostra ed anzi viene spesso superato da Luca Pellegrini. Ed in mezzo le cose non sono andate meglio.

L'assenza di Badelj si è vista clamorosamente. Kutlu non è riuscito a far girare la squadra, Thorsby si è praticamente annullato con Kamada mentre Galdames ha sbagliato tanto anche nei semplici passaggi. Jagiello poi si è addormentato sulla rete laziale facendosi "fregare" da Pellegrini abile ad anticiparlo nettamente. 

Purtroppo se esperimenti dovevano essere, esperimenti sono stati e pure negativi. Ma forse il turn over poteva essere meno pressante almeno inizialmente. Di certo se doveva essere questo un esame per chi ha giocato meno, ben pochi lo hanno superato.

Capitolo Retegui. L'attaccante ha messo minuti nelle gambe e questo è sicuramente positivo. Ha tirato in porta come ha potuto e su un tentativo, praticamente a botta sicura, è stato rimontato da tergo da Gila che gli ha spostati il pallone mandandolo in angolo. Di certo ha dimostrato di essere importante per questa squadra, l'unico vero attaccante del Genoa in attesa di vederlo a fianco di Gudmundsson. 

L'altro titolare, Dragusin, ha fatto molto bene come sempre. Castellanos non ha visto palla, di testa e di piedi il rumeno ha ancora dimostrato di essere sicuramente uno dei migliori difensori presenti nel nostro campionato. Una certezza assolutamente, ha giocato anche con la testa evitando un paio di interventi pericolosi che gli avrebbero potuto costare il cartellino giallo.

Una considerazione: c'era un rigore su Fini. Il giovane giocatore del Genoa, classe 2006, in area di rigore ha subito il contrasto non propriamente preciso di un avversario da tergo. L'arbitro ha fatto proseguire ma il Var non è intervenuto. Lo avesse fatto probabilmente la decisione poteva essere una sola, il penalty per il Grifone. 

Domenica tornerà il campionato con il Genoa a Monza. Si cercherà di recuperare Bani ed Ekuban, non dovrebbe esserci Gudmundsson ma ci sarà Retegui che, con i 70 minuti messi nelle gambe ieri sera, potrebbe regalare qualche soddisfazione ai tifosi genoani. A proposito dei supporter liguri: oltre 250 presenti all'Olimpico, in un giorno infrasettimanale  avrebbero meritato probabilmente qualcosa in più dal Grifone. In trasferta loro ci sono sempre, i giocatori in campo un po' meno visti i pochi risultati conquistati lontano dal Ferraris. 


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie