Possesso palla... e amore

26.01.2021 16:32 di Luca Canfora   Vedi letture

Io divento matto.

Divento matto ogni volta che nel calcio qualcuno, credendosi il discendente diretto di Fibonacci o Euclide, comincia a snocciolare o a commentare numeri che non hanno alcun senso. Se non quello di millantare chissà quali conoscenze scientifiche e chissà quali capacità di analisi.

Cominciate a mettere delle ACCA qua e là, a toglierle dove non servono, a distinguere un accento da un apostrofo, i due punti da un punto e virgola, e a fare le moltiplicazioni con un decimale. E poi parliamo di numeri.

Il possesso palla non esiste! E' come la città di Atalanta, o la Sampdoria! 

Primo: il possesso palla è noioso. E' noioso! E' noioso! Il tiki taka è noioso. Noi siamo italiani! Italiani! Non spagnoli, argentini, olandesi. Siamo italiani.

L'italiano è persona concreta, diretta, espansiva, estroversa, fantasiosa, estrosa, espressiva, passionale, ossessiva. Noi andiamo da una bella ragazza e le diciamo: "Bella ragazza, mi scusi... sì proprio così, bella ragazza. "Ecco, bella ragazza, Lei è davvero bella, ragazza, ed io ho una sola vita, bella ragazza. Una sola, corta, cortissima. Ho tante cose da dire, tante cose da fare, e non ho tempo, bella ragazza. Quindi, se per Lei non è troppo disturbo, mi basta un sì o un no, ma adesso... bella ragazza. Adesso o mai più. Se Lei mi concedesse subito un bacio appassionato, poi io la abbraccerei e la accompagnerei a bere qualcosa insieme a me, qualche carboidrato per avere una scorta di zuccheri, e poi subito a fare l'amore. Perché purtroppo il tempo stringe, e Lei è troppo bella per restare qui ad aspettare che Lei si accorga di me. Che la vita è già finita".

Il possesso palla è lasciare andare via quella ragazza, sognando, fantasticando, immaginando cose che non accadranno mai, amori che non nasceranno mai, labbra che nessuno sfiorerà, abbracci che nessuno avrà, sguardi che non ci incroceranno.

Per me il possesso palla può essere anche del 3%, non me ne frega niente. Se in quel 3% io arrivo 3 volte davanti al portiere e faccio 3 gol, o anche se li sbaglio tutti e 3 ma sono arrivato lì, per me ti puoi tenere tutto il possesso palla del Pianeta.

Se in quel 3% io ho avuto 3 emozioni, 3 sussulti, 3 lampi di felicità, un bacio, un abbraccio, una carezza, uno sguardo, in quel 3% c'è tutta la gioia, tutti i gol, tutte le vittorie, tutto l'amore, e tutta la vita che cerco.

  Luca Canfora