Qatar 2022 gir. G: insieme al Brasile passa la Svizzera

02.12.2022 22:01 di Franco Avanzini   vedi letture

Una gara da dentro o fuori per due squadre, Serbia-Svizzera è tutto questo. Squadra ultraoffensiva quella serba mentre più equilibrata la compagine elvetica. Chis i aspetta una partenza forte dei ragazzi dell'Est Europa si sbaglia di grosso. Sono invece i rosso-crociati a partire forte andando tre volte consecutivamente al tiro; bravo il portiere Vania Milinkovic-Savic a deviare tutte le conclusioni. Serbia che inizia a giocare dopo il momento negativo, Zivkovic da fuori area colpisce in pieno il palo.

Il giocatore serbo è però in grande difficoltà quando deve difendere, ne approfitta Shaqiri  che calcia di potenza superando Vania Milinkovic-Savic per il vantaggio svizzero. Passa poco e Mitrovic di testa pareggia dopo una bella azione con cross conclusivo di Tadic. Cinica Serbia, sbaglia la Svizzera, non Vlahovic che al primo pallone calcia ad incrociare mandando la sfera in fondo al sacco, sorpasso effettuato. Allo scadere del tempo a sbagliare è la difesa serba, Embolo ringrazia e pareggia con un tocco facile.

La ripartenza svizzera è fulminante, Vargas per Remo Freuler che spiazza Vania Milinkovic-Savic riportando avanti la sua squadra. Serbi che non riescono più a risollevarsi anche perché le azioni sono alquanto nebulose e prive di pericolosità. Anche le sostituzioni di Stojkovic non convincono visto che escono Vlahovic e Milinkovic-Savic. Il nervosismo si fa sentire tra le fila serbe e i cartellini gialli aumentano.    

Gioca per il tris il Brasile che, da qualificato, non vuole comunque lasciare nulla di intentato per essere l'unica del Mondiale a vincere tutte e tre le sfide del girone di qualificazione. Camerun disperatamente alla ricerca del successo per sperare nella qualificazione. Brasiliani che operano un pressing molto forte con i camerunensi che appaiono alquanto intimoriti. Martinelli da una parte e Tolo dall'altra creano pericoli agli opposti portieri. Gara che resta interessante anche se senza grandissime emozioni.

Le due squadre giocano a viso aperto ma sono le due difese ad aver la meglio sugli attacchi avversari. Si capisce come sia una partita che obiettivamente non deve dare esiti visto che il Brasile è già promosso e il Camerun dovrebbe sperare in un miracolo per qualificarsi. Aboubakar cerca lo squillo decisivo senza riuscirci.

I due allenatori ruotano i giocatori a loro disposizione tenendo presente che qualunque risultato possa arrivare non cambierebbe le sorti delle due squadre. Si gioca prevalentemente tra le due aree di rigore con la tranquillità di chi sa che tutto è già deciso. Il Camerun una soddisfazione se lo toglie, segnare con Aboubakar (pure espulso per somma di ammonizioni) e mandare k.o. i verde oro. 

Classifica finale gir. G: Brasile e Svizzera 6, Camerun 4, Serbia 1