The Day After, tornano gli spettri dello scorso anno

28.09.2020 10:02 di Franco Avanzini   Vedi letture

A Napoli si può perdere, intendiamoci; ma non si può perdere così. Lottare un verbo che i genoani hanno lasciato a Genova soprattutto nella ripresa. Eppure il primo tempo non era stato tanto negativo concluso sotto solamente di una rete e con una ghiotta occasione capitata e mancata dal neo papà Lerager. Poi dopo venti-secondi-venti della ripresa giungeva il raddoppio ed ecco che la luce in casa Genoa si spegneva clamorosamente.

In mezzo al campo i rossoblu parevano in superiorità numerica ma la lentezza di Badelj e Lerager regalavano spazi agli avversari che ringraziavano ed avanzavano praticamente senza alcun rischio di trovare ostacoli sulla loro strada. Se Crotone aveva detto cose belle, questa volta è giunta la doccia fredda e le risposte sono state tutte negative. Troppo debole il Crotone domenica scorsa e troppo forte il Napoli in questa settimana. La via di mezzo? Probabilmente il Torino la settimana prossima. Ecco quella partita dovrebbe dire quale potrà essere il campionato del genoa in questa stagione: soffrire o no?

Perdere con le grandi ci sta: il Genoa deve inanzittutto salvarsi e poi pensare ad alzare l'asticella. Vincere con le medio-piccole sarà importante; perdere con le grandi non sarà certo un problema. L'importante ovviamente sarà non prendere imbarcate del genere perché fanno realmente male ad un morale che sembrava finalmente recuperato ma subito perso in un batter d'occhio.