Genoa, un allenamento interessante in attesa di nuovi arrivi

30.07.2023 10:00 di Franco Avanzini   vedi letture

Il successo 1 a 0 sul Monaco con rete realizzata da Gudmundsson su calcio di rigore è stata la ciliegina classica su una torta che si sta addolcendo giorno dopo giorno. La squadra ha subito per larghi tratti l'azione dei monegaschi che però si sono resi pericolosi praticamente in un'unica circostanza, per il resto tanto possesso palla alla ricerca di un varco libero raramente trovato. 

La difesa ha saputo tenere testa ad un'avversaria che lo scorso anno era finita sesta in Ligue 1. Rarissime sbavature, una di Martinez con un rilancio errato e poco altro. Dragusin ha fermato gli avversari da par suo giocando spesso sull'anticipo. Il rumeno ancora una volta è sempre stato pulito, neppure un intervento falloso commesso. Bani ha tenuto in mano le redini della retroguardia ed è stato poco chiamato in causa dagli avversari. Infine Biraschi che è stata una bella sorpresa anche se si parla di un giocatore che già a Genova tutti conoscevano. L'anno in mezzo in Turchia gli ha fatto bene, attento, in marcatura un mastino e talvolta ha cercato lo scambio corto coi compagni.

In mezzo al campo assente Badelj, Strootman ha dimostrato sempre di sapere come rubare palloni anche se il ritmo non è certamente elevato. Melegoni ha sbagliato alcuni passaggi pur cercando sempre di toccare di prima la sfera. E' chiaro che in questa squadra serva un innesto almeno se non due. Thorsby potrebbe essere uno di questi e magari occorrerebbe arrivare a Meité che irrobustirebbe certamente la parte centrale della squadra. 

Le fasce sono coperte da una parte da Martin che però appare un po' indietro di forma e dall'altra da Hefti che sembra essere migliorato rispetto alla scorsa stagione. Alcune corse in profondità sono state applaudite dal pubblico e il rigore è stato proprio conquistato dallo svizzero dopo una bella serpentina tra vari avversari. Se poi arriverà anche D'Ambrosio il tasso tecnico di quella zona di campo si alzerà sicuramente. 

In attacco Gudmundsson ha dato vivacità alla manovra anche se ancora non è apparso al top della forma ed ha realizzato in maniera questa volta perfetta il rigore che ha deciso la gara. Puscas ha avuto una buona opportunità in contropiede ma l'ha sprecata ed in una prima circostanza ha chiamato in causa il portiere avversario. E veniamo a Retegui. Si muove molto ed è un "Cagnaccio" che da fastidio alla difesa avversaria. Non ha avuto occasioni per calciare a rete ma si è mosso parecchio conquistando anche alcuni palloni. Deve inserirsi all'interno della manovra genoana, era solamente una "prima" marassina ma intanto qualcosa ha già dimostrato. Coda ha cercato di servire palloni ai compagni ma ha commesso anche alcuni errori nella precisione dei passaggi. 

Yalcin, Yeboah e Ilsanker non sono entrati in campo come il terzo portiere Sommariva. Ad eccezione di quest'ultimo per i tre elementi di movimento appare quasi scontata la partenza verso altri lidi. Ma probabilmente non saranno i soli. 


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie