The Day After, difendersi senza attaccare porta spesso a sconfitte

22.11.2021 10:00 di Franco Avanzini   vedi letture

Sperare di tenere per 94 minuti il fortino imbattuto pareva un'impresa per un Genoa che ha una media gol subita sinora non certo positiva. Eppure contro questa Rometta in effetti non pareva impresa impossibile. I giallo-rossi tenevano palla in maniera costante salvo perdersi in attacco dove il duo Abraham-Shomurodov combinava davvero poco. Tutto pareva andare verso il verso giusto con lo 0 a 0 quale unico risultato finale.

Il problema è che ad un certo punto mister Mourinho decidesse di mandare in campo Felix per uno spento Shomurodov. E qui ecco che la frittata veniva confezionata. Il ragazzino classe 2003 si dava subito d'affare e rompeva in due la difesa genoana. Prima si faceva trovare troppo libero sulla destra in area e batteva Sirigu con un preciso diagonale e quindi da fuori area non dava ancora scampo al numero uno rossoblu.

Se si vanno a vedere le due azioni si noterà come, in entrambi i casi, ci siano errori individuali. Prima di posizionamento di Cambiaso, in ritardo sull'avversario e quindi di Hernani che si faceva superare troppo facilmente dal giovane avversario. Fatto sta che il Genoa deve contare ancora una sconfitta, l'ennesima in casa laddove deve ancora conquistare i tre punti. Insomma un fortino qualche anno fa, diventato facile terra di conquista per quasi tutte le avversarie in questa stagione.

Per mister Shevchenko, che probabilmente sognava un altro esordio, ci sarà molto da lavorare in settimana. Ricostruire certi giocatori, cercare di inculcare fiducia in altri e probabilmente tirare le somme in vista di una campagna di rafforzamento a gennaio che dovrà essere, si mirata, ma pure alquanto portentosa.

La prossima gara ad Udine sulla carta risulta l'unica abbordabile, tenendo conto che poi ci saranno di fila Milan, Juventus, il derby, Lazio e Atalanta. Un tour de force davvero molto difficile dal quale il Grifone dovrà cercare di strappare qualche punto per restare agganciato al plotoncino delle squadre in lotta per la salvezza. Per Sheva si prospettano giornate e quindi settimane sino a Natale davvero molto complicate.